Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'abuso di posizione dominante mediante prezzi predatori

Si affronta la tematica dell'abuso di posizione dominante mediante prezzi predatori. Si parte dalle Scuole di pensiero che hanno portato la sua individuazione (Chicago ed Harvard) fino ad arrivare all'applicazione pratica oggi nell'Ordinamento Comunitario e Nazionale. Si tratta inoltre un caso pratico di studio.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 SINTESI INTRODUTTIVA Prezzi al di sotto dei propri costi di produzione praticati da un’impresa dominante. Così potrebbero essere riassunti i prezzi predatori; nella loro forma più tradizionale essi rappresentano una pratica di eliminazione dei rivali dal mercato, esercitata per l’appunto con prezzi di vendita inferiori ai costi sostenuti. Lo scopo perseguito è così quello di vendere, a seguito dell’uscita dei rivali dal mercato, a prezzi di monopolio. Ed è per questo motivo che tale pratica viene considerata dannosa per la concorrenza e, di conseguenza, vietata. Nel mostrare preliminarmente quando un’impresa si trova in posizione dominante e abusa di tale situazione, nel proseguo della trattazione saranno illustrati i principali dibattiti che hanno portato all’individuazione della fattispecie dei prezzi predatori nonché alcuni fra i più importanti elementi che permettono la loro identificazione. Per ultimo sarà poi analizzato un caso di studio che permetterà di verificare nella prassi la reazione dell’Ordinamento nei confronti degli stessi.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Marco Temperini Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6126 click dal 01/06/2011.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.