Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Passato e presente dell'emigrazione italiana

Dall’ottocento ai giorni nostri circa ventotto milioni di persone abbandonarono l’Italia, un movimento quantitativamente e qualitativamente rilevante tanto che gli italiani sono stati definiti i protagonisti del più grande esodo migratorio della storia moderna.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione: In questo saggio andrò a studiare ed approfondire uno dei caratteri piø singolari e caratteristici della storia contemporanea del nostro paese, entrato a pieno titolo tra quei fattori che hanno inciso profondamente nella costruzione dell’identità nazionale italiana. L’emigrazione di nostri concittadini ha quindi costituito una costante dei secoli passati, e soprattutto del novecento, tanto da incuriosire ed attirare la mia attenzione portandomi a porre una domanda che poi fungerà da base di tutta la mia ricerca: che cosa ha condotto, per qualche mese, qualche anno o per sempre, lontano dal proprio luogo di nascita milioni di abitanti della nostra penisola nel corso del tempo? L’ambito demografico, anche se i temi che incontreremo fanno sicuramente stretto riferimento alla storia del nostro paese, è senza dubbio il piø adatto per trattare l’argomento, in quanto settore di studio quantitativo dei fenomeni concernenti lo Stato e il movimento della popolazione. Valuteremo quindi l’ammontare delle partenze, l’impatto che la perdita di popolazione ha avuto sul territorio, sulla popolazione rimasta e in particolar modo sui nuclei familiari, le diversità del fenomeno tra Nord e Sud, l’età degli emigrati nei vari periodi e i cambiamenti delle aspettative nei luoghi d’arrivo. Andremo ad affrontare le singole motivazioni ma anche e soprattutto i cambiamenti economici, politici e sociali che, interessando il Mondo intero o singole zone, hanno costituito rilevanti ed indubbi fattori di spinta o di richiamo per il considerevole aumento del numero di nostri connazionali che intrapresero la via migratoria soprattutto nel corso del Novecento. La ricerca ha così l’obiettivo di mettere a fuoco la storia dell’emigrato italiano attraverso la consultazione di libri, documenti, siti internet e riviste a tema, cercando di produrre un saggio che riesca a soddisfare curiosità e quesiti che questo particolare argomento ha suscitato in me come in molti altri studiosi ed esperti che non hanno mai smesso di occuparsi del fenomeno, seguendolo fin dal momento della formazione dello Stato.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Stefano Monticelli Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6605 click dal 01/06/2011.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.