Skip to content

I servizi sociali: caratteri e profilo giuridico

Informazioni tesi

  Autore: Simone Poggio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi
  Relatore: Silvia Mirate
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

Nell’ultimo decennio si è assistito ad un aumento costante della fondazione di case di cura private, comunità terapeutiche e residenziali, cooperative di servizio sociale e residenze per anziani; strutture che si sono rivelate necessarie per garantire, di concerto con gli enti pubblici, i servizi socio assistenziali necessari per quella parte di popolazione che necessità di sostegni sanitari, economici e psicologici per poter avere un’esistenza dignitosa.
I servizi offerti dallo Stato si sono dimostrati insufficienti e talvolta difficilmente applicabili.

Nel primo capitolo ho analizzato gli aspetti storici ed evolutivi dei servizi sociali per poter effettuare una valutazione sulle dinamiche che hanno portato alla situazione attuale.

Nella seconda parte si è cercato di illustrare il processo di cambiamento che ha portato dalla creazione delle IPAB (Istituzioni di Pubblica Assistenza e Beneficenza), alle ASP (Aziende di Servizi alla Persona), fino alle cooperative, ancora oggi esistenti.

Nella terza parte vengono descritte le attività previste dai piani socio assistenziali e a quali organi compete la responsabilità e la funzione di determinati servizi.

Nella quarta parte sono state prese in considerazione tutte le fasi del processo decisionale, dalla creazione dei piani nazionali alla loro attuazione; inoltre sono state analizzate le forme di collaborazione fra enti privati ed enti statali previste dall’ordinamento normativo in vigore.

Nella quinta parte vengono trattate le più importanti categorie di prestazioni sociali e i livelli minimi di assistenza da garantire stabiliti dalle norme vigenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 1.1 Origini storiche dell’assistenza sociale La nascita del servizio sociale nel contesto europeo può essere collocata nel 1869 a Londra, attraverso la nascita del C.O.S. (Clarity Organization Societies) 1 , evoluzione dei friendly reformers (volontariato di tipo religioso) e dei social reformers . Attraverso questa organizzazione Ottavia Hill 2 , volontaria nelle C.O.S., porrà le basi dei fondamenti concettuali ed etici del servizio sociale; ciò ebbe una certa influenza nello sviluppo del servizio sociale in territorio americano, dove il social work si sviluppò nelle C.O.S. locali e già alla fine del XIX sec., grazie all’operato di Mary Richmond 3 , si poterono creare i primi corsi di formazione sia in Nord Europa, sia negli Stati Uniti 4 . Bisognerà attendere il 1928 per la prima conferenza internazionale di servizio sociale, svoltasi a Parigi e coordinata da Renè Sand 5 , al quale si deve l’impegno per la diffusione internazionale della promozione sociale; con tale conferenza presero vita i primi organismi associativi internazionali come il I.C.S.W. 6 (International Council of Social Welfare) o il I.A.S.S.W. (International Association of School Workers) 7 divenuto nel 1 La Charity Organization Society fu un organismo fondato a Londra nel 1869 che aveva come obiettivo principale quello di aiutare i bisognosi offrendo loro cibo e lavoro. Tra i primi fondatori della COS ricordiamo Octavia Hill e Henry Solly, che fu il primo segretario onorario. Pur non essendo tra i primi fondatori, Charles Stewart Loch rimase sempre legato a tale organismo in quanto ne fu segretario per circa 38 anni. 2 Ottavia Hill (3 dicembre 1838 - 13 agosto 1912) è stata una riformatrice sociale inglese, la cui principale preoccupazione era il benessere degli abitanti delle città, soprattutto a Londra, nella seconda metà del XIX secolo. Nata in una famiglia con un forte impegno per alleviare la povertà delle classi lavoratrici, lei stessa è cresciuta in ristrettezze a causa del fallimento finanziario del padre. Senza istruzione formale, ha lavorato dall'età di 14 per il benessere dei lavoratori. 3 Mary Richmond (1861-1928) è stata istruita per essere una "visitatatrice amichevole", che era il termine usato per definire per un'assistente sociale. Ha visitato le case delle persone in difficoltà e ha cercato di aiutarli a migliorare la loro situazione di vita. Sviluppò nuove metodologie per aiutare chi necessitava di qualsiasi tipo di aiuto. Nel 1909 contribuì alla creazione di reti di operatori sociali e di metodi di collaborazione reciproca. Divenne anche direttrice del Dipartimento Organizzativo Carità della Russell Sage Foundation di New York. 4 S. Fargion, Il servizio sociale. Storia, temi e dibattiti, Roma, 2009, pag 78. 5 René Sand (1877-1953) era un esperto di attività medica o sociale, era soprattutto un umanista, attivamente impegnato per la società del suo tempo. Come Segretario Generale della Croce Rossa in Belgio, è stato uno dei promotori del lavoro sociale e fu sua l'iniziativa di istutuire nel 1948 il Comitato nazionale belga di lavoro sociale.Sand partecipò attivamente alla Conferenza Internazionale di Servizio Sociale (ora Consiglio internazionale della previdenza sociale). L'organizzazione più tardi fondò il premio René Sand in sua memoria. Il premio viene assegnato ogni due anni a persone o organismi che, nel loro lavoro per lo sviluppo sociale, hanno contribuito alla migliore promozione del benessere sociale. 6 Il Consiglio internazionale sugli aiuti sociali (ICSW) è stato fondato a Parigi nel 1928. Si tratta di un'organizzazione non governativa che rappresenta le organizzazioni nazionali e locali in oltre 70 paesi in tutto il mondo. Ne fanno parte anche le principali organizzazioni internazionali. 7 L'Associazione Internazionale delle Scuole di Servizio Sociale, IASSW, è l'associazione mondiale delle scuole di servizio sociale e di altri programmi di lavoro a livello sociale educativo. Promuove lo sviluppo della formazione sociale in tutto il mondo, sviluppa gli standard per migliorare la qualità dell'istruzione riguardo al lavoro sociale, incoraggia lo scambio internazionale, fornisce forum per la condivisione dei lavori di ricerca sociale e di borse di studio, e promuove i diritti umani e lo sviluppo sociale attraverso 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

legge 328/2000
evoluzione normativa
normativa sociale
programmazione servizi sociali
competenze nei servizi sociali
tipologie di prestazioni sociali
servizi
ipab
sociali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi