Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo tributario: in particolare il Giudice Tributario.

Le Commissioni Tributarie, oggi 'giudici speciali' del processo tributario, hanno una storia risalente nel tempo e, soprattutto, “divisa in grandi fasi”. Attualmente, esse sono organizzate e disciplinate ai sensi dei decreti nn. 545 e 546 (primi nove articoli) e successive modifiche (nel 2001, nel 2005, nel 2006, nel 2007); ancora, sempre nel 1992 è stato soppresso il terzo grado di giudizio previsto con D.P.R. n. 636/1972 (Commissione Tributaria Centrale), ma nel 2007, con legge finanziaria 2008, la Commissione Tributaria Centrale è stata suddivisa in 21 sezioni, con sede in tutti i capoluoghi di regione o provincia autonoma, alle quali sono stati riaffidati i procedimenti pendenti, allo scopo di smaltire il pesante arretrato.L'istituzione delle Commissioni si fa risalire alla legge 14 luglio 1864, n. 1836, ma non nacquero immediatamente come organi giurisdizionali, essendo semplici organi amministrativi, appartenenti all'Amministrazione Finanziaria, con il compito di eseguire “tutte le operazioni occorrenti per appurare e determinare le somme dei redditi dell'imposta”, cioè svolgevano solo una funzione di accertamento del presupposto d'imposta, al fine di far sorgere l'obbligazione tributaria.

Mostra/Nascondi contenuto.
– Introduzione – ***** Le Commissioni Tributarie, oggi 'giudici speciali' del processo tributario, hanno una storia risalente nel tempo e, soprattutto, “ divisa ”, se così si può dire, “ in grandi fasi ”. Attualmente, esse sono organizzate e disciplinate ai sensi dei decreti nn. 545 e 546 ( primi nove articoli ) e successive modifiche ( nel 2001, nel 2005, nel 2006, nel 2007 ); ancora, sempre nel 1992 è stato soppresso il terzo grado di giudizio previsto con D.P.R. n. 636/1972 ( Commissione Tributaria Centrale ) 1 , ma nel 2007, con legge finanziaria 2008 , la Commissione Tributaria Centrale è stata suddivisa in 21 sezioni, con sede in tutti i capoluoghi di regione o provincia autonoma, alle quali sono stati riaffidati i procedimenti pendenti, allo scopo di smaltire il pesante arretrato. L'istituzione delle Commissioni si fa risalire alla legge 14 luglio 1864, n. 1836 – legge impositiva dell'imposta di ricchezza mobile –, ma non nacquero immediatamente come organi giurisdizionali, essendo semplici organi amministrativi, appartenenti all'Amministrazione Finanziaria, con il compito di eseguire “ tutte le operazioni occorrenti per appurare e determinare le somme dei redditi dell'imposta” , cioè svolgevano solo una funzione di accertamento del presupposto d'imposta, al fine di far sorgere l'obbligazione tributaria. 1 Che tuttavia è rimasta in piedi per i giudizi pendenti fino al 1°gennaio 1996. 6

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Profeta Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4353 click dal 29/07/2011.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.