Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicare con il packaging: le scelte in ambito semiotico dell'azienda agricola Trabucchi.

La tesi si è occupata in particolare di analizzare le componenti semiotiche legate all'analisi del packaging in ottica di rafforzamento della comunicazione aziendale.
Tale componente è stato applicato ad una realtà territoriale dell'Est Veronese, l'Azienda Agricola Trabucchi.
Il packaging viene immaginato come Giano Bifronte, che volge lo sguardo al prodotto – cerca di proteggerlo, ma anche di esaltarne le caratteristiche e di mostrarlo nella sua luce migliore – dedicando però gran parte della sua attenzione al dialogo col consumatore, comunica con lui nel lasso di tempo di un colpo d’occhio allo scaffale, induce l’acquirente a soffermarsi su di lui e ad orientare la propria scelta d’acquisto.
Nella prima parte si è cercato di introdurre la tematica del packaging, analizzandone il percorso storico e tracciando una serie di parallelismi con la scienza semantica, comprendendone al meglio le valenze comunicative sottese alla dimensione del messaggio intrinseco, per poi concentrarsi sulle funzioni tipiche del package, mettendo in risalto il ruolo del colore come primario elemento di impatto nelle scelte di consumo. In seguito l’analisi si focalizza sulle peculiarità del comparto vitivinicolo, settore quest’ultimo che, posto dinnanzi ad una continua spinta concorrenziale ha fortemente indotto le imprese a rivalutare la dimensione del packaging come leva di comunicazione estremamente rilevante per il mantenimento del proprio vantaggio competitivo. Successivamente, per rafforzare il legame concreto che sussiste in relazione a tale mutamento, si è scelto di approfondire una realtà territoriale dell’Est veronese, l’azienda agricola Trabucchi, che ha saputo cogliere l’occasione di rivalutare la propria politica comunicativa partendo proprio dalla valorizzazione del ruolo del packaging. Nell’ultima parte, infine, si è cercato di contestualizzare nel panorama odierno dell’economia la capacità di saper vedere il pack come una parte integrabile nel moderno concetto di ambient marketing, per poi puntare l’attenzione sulle nuove tendenze circa la dimensione strutturale e comunicativa dello stesso, volendo mettere in risalto le difficoltà incontrate dalle imprese in termini di mantenimento di un necessario equilibrio economico-finanziario tra la valorizzazione del prodotto a sé stante ed il miglioramento continuo dell’imballaggio.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il vecchio adagio che inquadrava la confezione del prodotto come “nel prodotto, tutto quanto non è il prodotto stesso” 1 , risulta essere oramai non più consono a spiegare ciò che oggi in chiave moderna viene definito packaging. Il presente lavoro analizza quanto ad oggi il valore di questa leva di marketing sia sempre più decisiva nelle scelte di posizionamento da parte delle imprese, in particolar modo facendo un riferimento al ruolo esercitato nel settore vitivinicolo. Oggi il packaging assurge sempre più al ruolo di attore massmediale, mezzo per comunicare e trasferire informazioni; ovvero come attraverso le diverse forme di rappresentazione dei propri caratteri favorisca l’emersione del prodotto in differenti contesti. Il packaging viene immaginato come Giano Bifronte, che volge lo sguardo al prodotto – cerca di proteggerlo, ma anche di esaltarne le caratteristiche e di mostrarlo nella sua luce migliore – dedicando però gran parte della sua attenzione al dialogo col consumatore, comunica con lui nel lasso di tempo di un colpo d’occhio allo scaffale, induce l’acquirente a soffermarsi su di lui e ad orientare la propria scelta d’acquisto. 2 Nella prima parte si è cercato di introdurre la tematica del packaging, analizzandone il percorso storico e tracciando una serie di parallelismi con la scienza semantica, comprendendone al meglio le valenze comunicative sottese alla dimensione del messaggio intrinseco, per poi concentrarsi sulle _________________________________ 1 tratto dal testo “Le pack”, BSN Emballage (1987). 2 FERRARESI M. ,”Il packaging. Oggetto e comunicazione”, Franco Angeli, Milano, 1999.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Mattia Ferrari Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1508 click dal 03/06/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.