Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione del format: dalla televisione generalista alla web tv

Questo lavoro ha cercato di cogliere le possibili dinamiche evolutive del prodotto-format nel suo passaggio dalla tv di consumo a quella del web. Internet è sempre più protagonista dei nostri tempi e la sua comparsa sta sconvolgendo tutto il sistema dei media. Prevedere cosa accadrà non è stato facile, ma sicuramente l'effetto che si avrà sarà quello di uno svecchiamento dell'intero sistema comunicativo. Libertà, partecipazione, e multimedialità, sono dunque i punti cardine di questa rivoluzione che coinvolge tutti dai singoli programmi agli autori, dai fruitori ai protagonisti, senza tralasciare la pubblicità.
Si è affrontato perciò, come cambierà la scrittura e come si evolveranno le modalità di esecuzione dei programmi, attraverso una ricerca bibliografica e webgrafica basata principalmente su chi i format li crea e li produce. Inoltre nella parte centrale della trattazione, si è attenzionato il ruolo di questi prodotti all'interno della televisione generalista, proprio per cogliere al meglio le novità del loro passaggio di medium, nell' approdo al web. Se quindi si è visto, quali importanti prospettive evolutive si stanno aprendo, è dunque grazie ad un mezzo così democratico come internet.
La moderna televisione dunque è figlia del web, e con esso ha in comune caratteristiche quali la multimedialità, l'interazione e la possibilità di creazione ed espressione.
Il format così si è totalmente rigenerato, aprendosi ad un contesto innovativo e ricco di nuove opportunità.
Di conseguenza anche la "vecchia" tv ne ha guadagnato, in quanto ha in parte imitato certe potenzialità del web, attraverso sia l'utilizzo di nuovi linguaggi, sia le possibilità aperte dalle tecnologie digitali e multifunzionali.
I programmi quindi, non sono più gli stessi, così come i telespettatori. Anch'essi si sono risvegliati dal loro stato di dormienti, e si sono messi in gioco, diventando autori della propria tv, e critici o partecipanti delle tv altrui.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Cap. 1 CHE COS'E' IL FORMAT Nel primo Capitolo cercheremo di identificare il Format televisivo attraverso la sua formazione. Si inizierà definendolo, e si proseguirà delineandone gli aspetti concettuali e progettuali. Si passeranno quindi in rassegna le modalità morfosintattiche di costruzione, tenendo conto degli sviluppi emotivi (interni alla narrazione del racconto-format, ed esterni, riguardanti il pubblico-fruitore) che vengono prodotti. Il format è un organismo complesso, costruito secondo una stratificazione multilivellare di funzioni visibili ed invisibili, che riescono a costruire un architettura in grado di generare, in un gioco di richiami, credibili e veritieri quanto la vita stessa, una irrealtà reale (o similrealtà). Oltre agli aspetti ideativi e declinativi, ci occuperemo anche dell'aspetto giuridico – legale, e commerciale - profittuale del prodotto-format, in quanto la potenza e la diffusione di questo tipo di strutture sono calcolabili in base alla risposta Auditel. Un format nasce per esser visto: Più gente lo guarda, più esso vive. Più è vitale più il suo esistere acquista un senso. Paragrafo 1. L'ARCHE': IL CONCETTO DI FORMAT < La TV non è così innocua come sembra. Ci sono casi di soffocamento da sbadigli e di paralisi dei centri nervosi. Lussazioni del pollice per abuso del telecomando. Piaghe da decubito, per eccesso di parcheggio in poltrona. Perdita della vista e allucinazioni visive. Crepacuore da telenovela. Stupore catodico, paranoia e noia mortale > [ Gianni Monduzzi - Il manuale della Playgirl ] Tornare a casa ed accendere la tv è forse la cosa più normale ed istintiva del mondo. Così ogni giorno miliardi di persone, continuamente nel tempo e nello spazio, ripetono lo stesso gesto: premere il bottone verde del telecomando. Ed ecco che, magicamente, milioni di occhi e milioni di orecchie si fondono, divenendo così unica anima di un immenso corpo televisivo.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Giovanni Gabriele Lombardo Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4767 click dal 03/06/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.