Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione della distribuzione grocery nel Regno Unito

Tesco, Sainsbury, Asda e Safeway sono i retailers che hanno saputo sviluppare customer service agendo sul pricing e sulla rivalità spaziale. L'evoluzione dei comportamenti d'acquisto ha condizionato il marketing-mix facendo in modo che i formati di punto vendita e l'assortimento diventassero l'elemento di differenziazione dai competitors. Tutto questo in un momento di svolta negli equilibri del settore legato all'arrivo del colosso americano della distribuzione Wal-Mart

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La distribuzione grocery del Regno Unito rappresenta da sempre un modello di efficienza da seguire e imitare in quanto il ruolo economico e culturale che essa riveste consente di comprendere come la "deregulation" legislativa abbia prodotto degli effetti positivi al welfare di settore. Storicamente i colossi britannici della distribuzione hanno potuto godere di una relativa libertà in termini di vincoli legislativi, sul settore non sono gravate pressioni dell'autorità pubblica consentendo così una competizione aperta tra i diversi retailers. La distribuzione ha rafforzato nel tempo la propria posizione: il grado di concentrazione del settore è solo uno degli elementi che caratterizzano questo mercato ma non bisogna dimenticare che ciò ha consentito un controllo sul potere di mercato dell'industria di marca da parte dei retailers. La distribuzione britannica ha saputo conquistare nel tempo la fiducia del consumatore che evidenzia oggi esigenze e gusti sempre più segmentati. Le insegne sono impegnate ad aumentare la componente non-grocery negli assortimenti valorizzando comunque la componente food in base a nuovi concetti di salutismo e genuinità. I distributori britannici hanno differenziato i propri format puntando su nuovi convenience store nei centri città oltre che sull'espansione dei grandi superstore in periferia. L'introduzione di orari d'apertura più flessibili, i coffee corner all'interno dei supermarket o la spesa via Internet stanno modificando la classica shop expedition e rappresentano un nuovo concetto di Entertainment retailing. . Le leve di customer service e le prospettive di price competition sono elementi di confronto per tutta la distribuzione europea; la capacità d'innovazione dei gruppi del Regno Unito porta a sostenere che scelte fatte in questo mercato

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Canni Contatta »

Composta da 297 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2183 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.