Skip to content

Un nuovo approccio alla stima della direzione di arrivo

Informazioni tesi

  Autore: Ivan Iudice
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria delle telecomunicazioni
  Relatore: Amedeo Capozzoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

I moderni sistemi radar non sono in grado di rivelare soltanto la presenza di oggetti metallici, ma consentono di eseguire il tracking del bersaglio al variare del tempo effettuando una stima della direzione d’arrivo del segnale.
Array di antenne che fanno uso di questo principio vengono denominate smart antennas, e trovano spazio negli ambienti più variegati, dalle comunicazioni satellitari alla telefonia di ultima generazione, dalle local area networks ad applicazioni militari.
Quest’ultima applicazione è particolarmente interessante in quanto un sistema in grado di stimare la direzione di arrivo di un jammer a banda stretta, ha la possibilità di modellare il pattern in modo tale da non subire gli effetti del disturbo.
La varietà delle applicazioni ha spinto negli anni la ricerca ad interessarsi del problema e sviluppare algoritmi in grado di effettuare operazioni di questo tipo nel modo più rapido ed accurato possibile.
Il problema di stima può essere risolto con metodi spettrali o parametrici. I metodi spettrali intendono estrarre l’informazione dalle caratteristiche spettrali delle tensioni misurate dagli elementi dell’array, calcolandone sostanzialmente la matrice di correlazione ed i relativi autovettori. I metodi parametrici sfruttano le caratteristiche statistiche e deterministiche del segnale (ad esempio la modulazione) per ricavarne la direzione d’arrivo.
Nel lavoro di tesi verrà svolta un’analisi dal punto di vista elettromagnetico dando enfasi alle problematiche dovute alla presenza di ostacoli e al mutuo accoppiamento tra gli elementi. Sarà realizzato un modello, e poi fornita una soluzione al problema, in grado di determinare le posizioni degli elementi dell’array tali da ottimizzare la dinamica dei valori singolari dell’operatore che lega le tensioni misurate allo spettro d’onde piane del campo incidente. Verrà poi mostrato un algoritmo, basato sull’ottimizzazione globale multistart, in grado di effettuare la stima della direzione d’arrivo tenendo conto delle problematiche citate pocansi.
L’ottimizzazione globale per la stima della direzione d’arrivo sembrerebbe particolarmente onerosa in termini di risorse e tempi di calcolo richiesti, tanto da essere proibitiva in applicazioni di tipo real-time.
I recenti sviluppi nell’ambito del GPU computing e la disponibilità di ambienti di programmazione ben supportati come CUDA di NVIDIA offrono la possibilità di sfruttare le potenzialità del calcolo parallelo su piattaforme di tipo general purpose.
A tal proposito è stato deciso di implementare l’algoritmo di ottimizzazione globale su scheda grafica, in modo da poter risolvere il problema della stima in tempi notevolmente ridotti rispetto alla corrispondente versione sequenziale.
L’ultima fase del lavoro consisterà nella validazione numerica degli algoritmi realizzati, mediante simulazione dei casi pratici più comuni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Direction of Arrival (DOA) estimation 1.1 Radar, smart antennas e DOA I primi sistemi di telerilevamento attivi (radar), sviluppati e messi a punto a partire dal secondo conflitto mondiale, erano in grado solamente di rivelare oggetti metallici sfruttando il fenomeno di backscattering legato al campo elettromagnetico. A distanza d’anni il principio di base é rimasto lo stesso ma i radar han- no subito una forte evoluzione fino a riuscire non solo a rivelare i bersagli, ma anche a determinarne informazioni quali distanza, altezza sull’orizzonte, velocitá, direzione di arrivo. Un sistema radar é quindi in grado di inseguire un bersaglio, ovvero di eseguirne il tracciamento delle posizioni al variare del tempo. Nell’ambitodelsignalprocessing, ladirezionediarrivodenotaladirezione dalla quale l’onda elettromagnetica incide in un punto, ove é usualmente posizionato un array di sensori che prende il nome di smart antenna. Le smart antennas rappresentano degli array di antenne che impiegano rapidi algoritmi di signal processing per estrarre informazioni caratteristi- che del segnale, come appunto la direzione di arrivo, e le utilizzano per la formazione del fascio. 8

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stima
array
signal processing
antenna
doa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi