Skip to content

La "Spiritualità" tra cinema e arti elettroniche nel dibattito contemporaneo sull'arte

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Lucà Trombetta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: DAMS - Studi storici, critici e teorici sul cinema e gli audiovisi
  Relatore: Marco Maria Gazzano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Il presente studio intende analizzare il concetto di "spiritualità" nel cinema e nelle arti elettroniche.
L’arte con il passare del tempo ha subito un graduale affrancamento dalla morale e dalla religione. In realtà però, sebbene la laicizzazione della cultura sia un fenomeno evidente, in tutte le epoche e in tutte le forme d’arte, l’aspetto spirituale non è mai completamente scomparso.
Mi sono chiesta se sia possibile rispondere, attraverso l’arte, a quella tensione alla spiritualità che da sempre spinge gli artisti a cercare nuovi modi di rappresentazione dell’invisibile, nuovi linguaggi per scandagliare un oltre che spesso rimane nascoto e irraggiungibile.
Nel percorso di ricerca che l’uomo fa, di ricerca di sé stesso, attraverso la cultura e attraverso l’arte, la via tracciata da molti artisti è quella dell’astrazione.
L’arte, infatti, non trovando modalità di rappresentazione adeguate alla raffigurazione del divino, spesso, si è rivolta a modi di espressione astratti.
Con questo studio mi sono chiesta se sia possibile in qualche modo rappresentare il "trascendente" e, facendo un percorso a ritroso nella storia dell’arte e nella storia del cinema, sono arrivata ad analizzare le arti elettroniche. Seguendo gli studi di Paul Schrader sul trascendente nel cinema, ho provato ad applicare la sua analisi, che si rivolge principalemente al film e alle modalità di rappresentazione del “Completamente Altro”, alle arti elettroniche. Ho tentato di dimostrare come il video, per le sue caratteristiche tecniche, per il rapporto che intrattiene con la luce, elemento effimero per eccellenza, sia il medium che meglio di altri si presta alla rappresentazione del “trascendente”.
Il percorso di ricerca sui linguaggi e sui materiali, iniziato già dalle avanguardie storiche, prosegue nel lavoro di molti artisti con-temporanei. Chi si è accostato alle arti elettroniche ha spesso rivolto il suo lavoro verso direzioni antinaturalistiche e non descrittive, un percorso che dalle avanguardue del 900 arriva fino ai sen-tieri indagati attraverso la videoarte. Opere, quelle di arte elettronica, dove la materia “materiale” e concreta si incontra e si scontra con quella “immateriale” delle immagini elettroniche. Materia e luce, modello e simbolo, astrazione e realtà materica. In queste opere sembra inverarsi l’incontro tra la realtà del mondo, corporea e concreta, e l’orizzonte più spirituale, evanescente cui l’uomo aspira.
L'analisi del concetto di "spiritualità" proposta con il presente studio si muove all'interno del dibattito contemporaneo sull'arte dove l'opposizione tra etica ed estetica assume un valore fondamentale.
Gli studiosi si sono sempre chiesti infatti se l’arte debba essere vista solo come un’operazione estetica, o se invece possa essere anche veicolo di contenuti etici e portatrice di messaggi. La diatriba tra chi le attribuisce un compito educativo, quasi moralizzatore, e chi la solleva da ogni responsabilità pedagogica continua ancora oggi ad accendere gli animi.
Il presente studio intende dunque anche dimostrare come l’arte sia, per l’uomo, il principale veicolo di contenuti, e in quanto tale può contribuire concretamente al cambiamento della società.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Da se mpr e , pr im a a nc or a de ll a n a sc it a de ll ‟ e stet ica c ome ve r a e pr opria discipl ina filosofic a , il dibatti to sul va lore de ll ‟a rte e l ‟oppo siz ione tra e ti c a e d e stetic a sono stati centrali nella storia della nost ra c ult ur a . Gli stu diosi si sono se mpre c hiesti se l‟a rte de bba e sser e vist a solo c om e un‟op e ra z ione e st e ti c a , o se invec e possa e ss e r e a nc h e ve icolo di c ontenuti e ti c i e porta tri c e d i messaggi. La diatriba tra chi le attribuisce un compito educativo, quasi moralizzatore, e chi la solleva da ogni responsabilità pedagogica continua ancora oggi ad accendere gli animi. I l p re se nte studi o int e nde dim ostra re c ome l ‟a rte s ia , pe r l‟uomo, il principale veicolo di contenuti, e in quanto tale può contribuire concretamente al cambiamento della società. Muovendo c i a ll ‟inte rno de l dibatti to filosofic o, p a rte ndo da P latone pe r a r riva re a V a t timo, si vuole dim ostra re c ome l‟a rte , in qua nto fr utt o de ll a c re a ti vit à de ll ‟uomo c he ope r a e vive ne ll a società, ne sia da essa influenzata, e possa a sua volta influenzare chi ne fruisce. È necessario dunque int e rr o g a rsi sull e potenz ialit à di c ui l‟a rtist a dispo ne e , pr e nd e ndone c ons a pe volez z a , c a pire qu a le ruolo que st‟ult im o debba assumere nella società contemporanea. Dopo una breve analisi sul sistema etico che regola il mondo moderno, un mondo dove la tecnica pr e nde se mpre più il sopra vve nto e dove spesso l‟e ti c a viene subordina ta a l progresso tecnologico, tentiamo di proporre un nuovo modo di intendere l ‟a rte , un ‟arte consapevole e guidata appunto da a lcuni va lori c he c r e diamo indi spensa bil i pe r il pr og r e sso de ll ‟indindi vidi o e la sua e voluz ione, non solo tec nolog ic a ma a nc he “ spirit ua le ” . I nten diamo dim ostra re c he in que sto pr oc e sso di rif onda z ione de ll ‟ e ti c a l‟a rte può g io c a r e un ru olo fonda menta le. P rop r io l‟a rte c ont e mpora ne a infatti, grazie alla pluralità dei sui linguaggi, alla sua multimedialità e intermedialità – que ll ‟integrazione creativa di media diversi già profetizza ta da g li a rtist i ne ll ‟O tt oc ento- può svolgere un ruolo determinante e imporsi come veicolo sperimentale di una nuova etica del virtuale. Prendiamo in analisi, con il presente studio, il pensiero di coloro che hanno creduto e credono ancora che questa trasformazione sia possibile. Partendo dal pensiero filosofico di Hans Jonas si arriva a quel modo di concepire il cinema professato da Gene Youngblood, un cinema espanso, che si apre a nuovi intrecci di linguaggi e a nuove significazioni. Seguendo questa linea di pensiero il mio studio intende analizzare il c onc e tt o di “ spirit ua li tà ” nel cinema e nelle arti elettroniche. L ‟ a rte c on il pa ss a re de l tempo ha subi to un g r a d ua le a ff ra n c a mento d a ll a mora le e da ll a re li g ione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

zen
nam june paik
astrattismo
ozu
profano
vasulka
perniola
avanguardia
adriana amodei
ida gerosa
spiritualità
vattimo
bill viola
arti elettroniche
estetica
videoarte
trascendente
gazzano
federica marangoni
sacro
etica
divino
cinema
arte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi