Skip to content

Le sofferenze bancarie in Italia. Un modello econometrico di analisi e previsione

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Amedeo Di Nicolò
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Stefano Di colli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 211

Il presente lavoro verterà su alcuni temi del sistema creditizio italiano. Nei dettagli ci si soffermerà sull’analisi del credito bancario, in particolare l’obiettivo principale è quello di realizzare un modello econometrico che studi la relazione sofferenze-impieghi delle Banche di Credito Cooperativo e che dimostri una serie d’ipotesi di partenza. La tesi è strutturata in quattro capitoli nei quali si affrontano temi diversi ma che si intersecano fra loro per vari motivi. I quattro capitoli sono:
• Il credito anomalo, le sofferenze bancarie;
• La gestione del credito anomalo;
• Le banche guardano al futuro, verso Basilea III;
• Un modello econometrico di analisi e previsione.
Il primo capitolo focalizza l’attenzione sul sistema finanziario italiano ma in maniera dettagliata le banche. Come esse hanno attraversato una trasformazione rapida e profonda. Nelle quali le transazioni finanziarie hanno conosciuto una crescita senza precedenti. Dal lato dell’offerta, la deregolamentazione, il progresso tecnologico, l’innovazione finanziaria e la crescente integrazione dei mercati internazionali hanno enormemente ampliato la gamma di prodotti e strumenti offerti e le combinazioni possibili di rischio e rendimento, ridotto i costi di transazione, creato nuovi mercati e unito mercati prima segmentati. Alla luce di tutto ciò, nell’ultimo triennio è emerso con molta evidenza il fenomeno delle sofferenze bancarie, un problema che a metà degli anni novanta ha registrato il picco massimo, ma che stava lentamente stabilizzandosi.
Nel primo capitolo le sofferenze verranno trattate nella maniera più ampia possibile, partendo dai rischi legati alla concessione del credito, alla loro rilevazione contabile secondo le normative vigenti nel momento della loro manifestazione ed infine verranno analizzate le cause e le conseguenze sulle banche.
Il secondo capitolo, riguarda il problema della gestione del credito, in particolare quando esso diventato anomalo. I crediti problematici diventano un argomento molto discusso all’interno degli istituti bancari, poiché al pari degli investimenti e di altri fattori, da loro dipendono le performance delle della banca.
Nel capitolo ci si sofferma sull’utilizzo da parte degli istituti di credito della tecnica della securitization. Questa tecnica nata negli Usa e regolata in Italia solo nel 1999, viene analizzata in maniera molto dettagliata, esplicandone i soggetti coinvolti, l’ oggetto della cartolarizzazione, il suo processo ed i motivi per cui le banche preferiscono utilizzare questi tecnica piuttosto che altre.
Il terzo capitolo, affronta in maniera sintetica il percorso del rischio di credito negli Accordi di Basilea, partendo da quello del 1988 all’attuale normativa riguardante Basilea III. Nell’arco del capitolo vengono messe in luce i punti di forza e quelli di debolezza dei vari accordi sino ad introdurre ed analizzare il recente Pilastro I di Basilea III, il quale prevede un serie di nuovi e più stringenti requisiti in materia di adeguatezza patrimoniale che entrerà a regime nei prossimi dieci anni.
Nei primi paragrafi, si focalizza l’attenzione sulle metodologie a disposizione delle banche per analizzare il rischio di credito della propria clientela presenti in Basilea II. Mentre nella parte finale vengono descritti accuratamente con un’ottica critica, i nuovi requisiti approvati dal Comitato di Basilea nel dicembre del 2010 con la pubblicazione del documento finale.
Il quarto ed ultimo capitolo, rappresenta il cuore della tesi, qui viene presentato attraverso un lavoro empirico un modello econometrico di analisi e previsione. L’argomento oggetto di analisi riguarda un campione di serie storiche inerenti un set di variabili macroeconomiche quali Pil, disoccupazione, ect, e variabili creditizie come le sofferenze bancarie e gli impieghi a livello aggregato della Banca di Credito Cooperativo.
I dati presenti nel campione vengono utilizzati per fare inferenza e cercare di rispondere ad alcuni quesiti posti in partenza. In altre parole l’obiettivo del lavoro è stato dimostrare sulla base di alcune ipotesi fatte in partenza sulla relazione sofferenze-impieghi. Ossia capire se l’ammontare delle sofferenze fossero causate o meno dall’ammontare degli impieghi o a maggior ragione se esse fossero legate alle scelte messe in atto dalla banca nel momento della concessione del credito e quindi nella capacità di riuscire a selezionare una clientela con alto merito creditizio. Oppure se i movimenti della voce sofferenze nei bilanci bancari fossero dovuti all’andamento del ciclo economico (es. crescita Pil, aumento disoccupazione), indipendentemente dalle politiche creditizie dell’istituto bancario.
Nell’ultima parte della tesi sono state elaborate le conclusioni e le considerazioni personali in merito al lavoro empirico svolto, esse sono scaturite attraverso l’analisi dei risultati, grazie alla teoria statistica ed economica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Presentazione Il presente lavoro verterà su alcuni temi del sistema creditizio italiano. Nei dettagli ci si soffermerà sull’analisi del credito bancario, in particolare l’obiettivo principale è quello di realizzare un modello econometrico che studi la relazione sofferenze-impieghi delle Banche di Credito Cooperativo e che dimostri una serie d’ipotesi di partenza. La tesi è strutturata in quattro capitoli nei quali si affrontano temi diversi ma che si intersecano fra loro per vari motivi. I quattro capitoli sono:  Il credito anomalo, le sofferenze bancarie;  La gestione del credito anomalo;  Le banche guardano al futuro, verso Basilea III;  Un modello econometrico di analisi e previsione. Il primo capitolo focalizza l’attenzione sul sistema finanziario italiano ma in maniera dettagliata le banche. Come esse hanno attraversato una trasformazione rapida e profonda. Nelle quali le transazioni finanziarie hanno conosciuto una crescita senza precedenti. Dal lato dell’offerta, la deregolamentazione, il progresso tecnologico, l’innovazione finanziaria e la crescente integrazione dei mercati internazionali hanno enormemente ampliato la gamma di prodotti e strumenti offerti e le combinazioni possibili di rischio e rendimento, ridotto i costi di transazione, creato nuovi mercati e unito mercati prima segmentati. Alla luce di tutto ciò, nell’ultimo triennio è emerso con molta evidenza il fenomeno delle sofferenze bancarie, un problema che a metà degli anni novanta ha registrato il picco massimo, ma che stava lentamente stabilizzandosi. Nel primo capitolo le sofferenze verranno trattate nella maniera più ampia possibile, partendo dai rischi legati alla concessione del credito, alla loro rilevazione contabile secondo le normative vigenti nel momento della loro manifestazione ed infine verranno analizzate le cause e le conseguenze sulle banche. Il secondo capitolo, riguarda il problema della gestione del credito, in particolare quando esso diventato anomalo. I crediti problematici diventano un argomento molto discusso all’interno degli istituti bancari, poiché al pari degli investimenti e di altri fattori, da loro dipendono le performance delle della banca. Nel capitolo ci si sofferma sull’utilizzo da parte degli istituti di credito della tecnica della securitization. Questa tecnica nata negli Usa e regolata in Italia solo nel 1999, viene analizzata in maniera molto dettagliata, esplicandone i soggetti coinvolti, l’

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dickey-fuller
basilea
cartolarizzazione
autocorrelazione
impieghi
var
variabile dipendente
phillips-perron
dummy
correlazione seriale
vector autoregressive models
securitization
cointegrazioni
modello
funzione risposta-impulso
soffereze bancarie
non performing loan
regressione
bad loan
partite incagliate
credito anomalo
error correction model ecm
econometrico
engle e granger

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi