Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Consob: organizzazione e funzioni

Questo elaborato si propone di identificare i poteri e le funzioni della Commissione Nazionale per la Società e la Borsa, affrontando gli aspetti più importanti e non mancando di evidenziare i contributi del legislatore a partire dalla sua nascita e seguendo l'evoluzione che ha portato oggi la Consob ad essere uno degli organi più importanti del nostro Paese. Si è prestata attenzione a dare non solo un quadro generale della struttura dell'organizzazione ma anche a sottolineare l'importanza dei poteri ad essa attribuiti e come questi occupino un ruolo fondamentale nella regolamentazione del mercato mobiliare in Italia, lasciando ampio spazio alla trattazione delle numerose innovazioni che nell'arco degli anni hanno dato sempre più completezza ed accuratezza alla regolamentazione di un mercato necessitante di norme e direttive per la sicurezza degli investitori, oltre a permettere il pieno esercizio dei soggetti abilitati, attivi in questo mercato.
Il risultato è un'esposizione sistematica di questo istituto nella piena consapevolezza del suo valore, ma anche della complessità nel poterne delineare perfettamente la struttura e di conseguenza nella difficoltà a darne un quadro perfettamente metodico. L'elaborato fornisce tutti gli strumenti necessari per comprendere al meglio il ruolo della Consob nella complessa disciplina del diritto mobiliare e il perché oggi sia indispensabile la presenza di questa Commissione, precisando se siano stati raggiunti gli obiettivi che si erano prefissati i legislatori con la sua introduzione nel 1974.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo Primo L'organizzazione della Consob ed i suoi poteri 1) COMMISSIONE E STRUTTURA ORGANIZZATIV A Sempre maggiore importanza oggi riveste il mercato finanziario, in ragione del processo di finanziarizzazione della ricchezza. Il mercato finanziario è quello dove si incontrano i flussi di investimento delle imprese con i flussi di risparmio monetario provenienti dai privati. E proprio per dare regole certe che governino tale delicato mercato, il nostro legislatore fin dal 1974 ha iniziato a disciplinare l'accesso degli intermediari al mercato, a garantire il funzionamento degli organi di vigilanza ivi preposti, nonché che il prezzo dei titoli sia quello effettivamente rappresentativo. La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob) è un'autorità amministrativa indipendente, dotata di personalità giuridica e piena autonomia con la legge 281 del 1985, la cui attività è rivolta alla tutela degli investitori, all'efficienza, alla trasparenza, allo sviluppo e al controllo del mercato mobiliare italiano. La Consob gode di autonomia organizzativa, naturalmente nei limiti stabiliti dalla legge. E con riferimento all'organizzazione, la legge si preoccupa esclusivamente di precisare che le deliberazioni della Commissione sono adottate collegialmente, salvo i casi di urgenza previsti dalla legge, che il Presidente sovrintende all'attività istruttoria e cura l'esecuzione delle delibere e infine che non è ammessa delega permanente di funzioni ai commissari. L'autonomia riconosciuta dalla legge assiste la Consob anche nell'esercizio delle sue funzioni e, ovviamente, la stessa si misura nei confronti del Governo e si risolve nell'assenza di un qualsiasi rapporto di sovraordinazione o potere di direzione da parte di quest'ultimo nei confronti della prima. La Commissione è un organo collegiale composto da un presidente e da quattro membri, nominati

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Celenza Contatta »

Composta da 29 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3350 click dal 09/06/2011.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.