Skip to content

Istituzioni, opinione pubblica e stampa nella transizione tra Monarchia e Repubblica

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Bellantoni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Metodi e Linguaggi del Giornalismo
  Relatore: Patrizia De Salvo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 411

La tesi consta di quattro capitoli, suddivisibili, a livello contenutistico, in due parti: la prima parte, molto più ampia e che comprende i primi due capitoli, analizza le vicende che dalla caduta del fascismo portarono il Paese alla nascita della Repubblica e della Costituzione e come queste vicende coinvolsero l’opinione pubblica e da essa ne furono condizionate, attraverso l’analisi di alcuni tra i più importanti giornali dell’epoca, sia organi di partito che fogli indipendenti, sia settimanali che periodici. La seconda parte, invece, prende in esame lo stesso periodo, ma limitatamente alla realtà messinese, attraverso l’analisi del modo in cui i giornali cittadini raccontavano l’evoluzione politico-istituzionale della città dello Stretto.
Entrando nello specifico, nel primo capitolo vengono trattati gli sviluppi istituzionali dell’Italia dell’immediato secondo dopoguerra, dalla caduta del regime fascista, il 25 luglio 1943, alla nascita della Costituzione repubblicana. Sono trattate, in maniera molto dettagliata, le diverse fasi di questa travagliata stagione politica, a partire dal 25 luglio e passando per l’armistizio dell’8 settembre, attraverso la divisione dell’Italia in due regimi contrapposti; vengono analizzate soprattutto le più importanti vicende istituzionali che porteranno alla nascita della nostra Carta fondamentale: il compromesso De Nicola, la Svolta di Salerno, la Consulta Nazionale, il Ministero per la Costituente, il decreto con cui venne scelto il referendum istituzionale, le elezioni del 2 giugno 1946, la nascita e i lavori dell’Assemblea Costituente e la stesura dalla Costituzione repubblicana. Nel secondo capitolo, invece, viene svolta una parallela analisi del ruolo della stampa e dell’opinione pubbliche in queste vicende. Si parte con la storia della stampa italiana, divisa per periodi, dai “quarantacinque giorni” alla nascita della Costituzione. Viene poi passata in esame, sempre in riferimento allo stesso periodo, il ruolo della rinascente opinione pubblica italiana, con un’analisi specifica sul ruolo del “Bollettino di Informazione e Documentazione del Ministero per la Costituente”. Successivamente, è illustrato il dibattito politico-istituzionale sviluppatosi sui diversi organi di stampa, di partito e indipendenti, in merito alle diverse fasi della rinascita delle istituzioni in Italia. L’ultimo paragrafo del secondo capitolo può essere invece considerato come una parte a sé stante, andando a trattare le reazioni della stampa e dell’opinione pubblica siciliana nello stesso arco temporale di riferimento. Il terzo capitolo “restringe” l’analisi agli sviluppi politico-istituzionali che portarono Messina dalla liberazione ad opera degli Angloamericani fino alle elezioni del 2 giugno 1946, che espressero una realtà politica ben diversa da quella nazionale. Il quarto e ultimo capitolo, infine, si concentra sullo sviluppo dei primi fogli messinesi del dopoguerra e analizza come la politica peloritana veniva raccontata dalla stampa e influenzava l’opinione pubblica. La tesi presenta, inoltre, un’accuratissima appendice documentaria, nella quale vengono riportati alcuni tra i documenti più significativi del periodo, riferiti a entrambe le parti del lavoro, tabelle di dati sulle elezioni del 2 giugno 1946, sia a livello nazionale che a Messina, e una sezione in cui vengono riportate dettagliatamente, in tabella, informazioni relative ai principali fogli messinesi pubblicati dal 1944 al 1946. Il lavoro termina con un’approfondita bibliografia, che conta oltre 250 tra volumi, articoli di giornali e siti internet.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I | L’Italia dall’abisso della guerra alla ricostruzione politico-istituzionale 6 CAPITOLO I L’ITALIA DALL’ABISSO DELLA GUERRA ALLA RICOSTRUZIONE POLITICO-ISTITUZIONALE 1. I “quarantacinque giorni” L’Italia era entrata in guerra il 10 giugno del 1940, al fianco della Germania e del Giappone e contro Polonia, Inghilterra e Francia in un primo momen- to, e Stati Uniti e Unione Sovietica piø tardi. Tra la fine del 1941 e l’inizio del 1942, le sorti della guerra, fino ad allora favorevoli alle potenze dell’“Asse”, cominciavano ad arridere alle forze angloamericane e a quelle sovietiche. Con il passare dei mesi, man mano che le vicende della guerra volgevano a grave danno del nostro Paese, ripetutamente fiaccato dalle in- cursioni aree alleate, appariva sempre piø inevitabile la necessità di scindere i destini dell’Italia da quelli della dittatura fascista. Il 10 luglio 1943 gli Angloamericani sbarcavano in Sicilia e iniziava- no la risalita della Penisola. Eravamo giunti alla svolta decisiva. L’occupazione dell’Isola era avvenimento di tale portata che, unitamente al bombardamento di Roma del 19 luglio, spingeva il re Vittorio Emanuele III ad accelerare gli sviluppi della crisi istituzionale che, come egli stesso ebbe a dichiarare dopo la fine della guerra, era già in programma dal mese di febbraio dello stesso anno. Tra il gennaio e il luglio del 1943 molti erano stati gli esponenti del periodo prefascista a passare per lo studio del re al Quirinale. E tutti ebbero a che fare con un uomo che agiva per conto del sovrano, teneva i contatti,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stampa
notiziario di messina
monarchia
costituzione
comitato messinese di liberazione nazionale
opinione pubblica
costituente
stampa politica
svolta di salerno
stampa del dopoguerra
stampa a messina
stampa in sicilia
istituzioni
ministero per la costituente
referendum istituzionale
bollettino informazione ministero costituente
separatismo
compromesso de nicola
elezioni 2 giugno 1946
repubblica
consulta nazionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi