Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti metodologici e tecniche di analisi circa le potenzialità dei servizi di supporto alla tutela della guida in stato di ebbrezza.

Il presente lavoro si occupa del tema della prevenzione e informazione per un divertimento responsabile contro le stragi del sabato sera. Lo studio è stato basato sulle tecniche e teorie dell’ergonomia cognitiva, per analizzare ciò che sono gli aspetti fondamentali del problema e cercare una soluzione attraverso una attenta metodologia.
L’introduzione alla scelta apre la discussione sui drammi sociali e la cultura del divertimento nell’età giovanile, analizzando l’ambivalenza dell’alcol e la problematicità dell’informazione e della prevenzione nel senso più generale del tema. Ecco introdotto il capitolo legato al target di riferimento, il più toccato dalle problematiche prima indicate e sicuramente quello che necessita maggiormente di uno studio approfondito. La complessità del target e la gravità del problema non potevano evitare un’accurata indagine sulla tematica legata all’alcol: dati, usanze e conseguenze di una sostanza che per molti aspetti incide sulla vita dei giovani d’oggi, e che se accostata alla guida può creare un nocivo cocktail di rischi e pericoli per la vita propria e altrui.
Successivamente si darà spazio alla comunicazione, intesa come strumento indispensabile per una soluzione possibile, non casuale, ma attentamente studiata. Fino alla seconda metà degli anni ottanta infatti, l’uso della comunicazione persuasiva a fini di pubblico interesse ha rappresentato una pratica limitata. È solo nel corso di quest’ultimo decennio che la pubblicità sociale ha conosciuto un’impressionante espansione e soprattutto un aumento dei soggetti che la utilizzano. Per questo motivo, si è dedicata una parte generale all’introduzione al fenomeno della pubblicità sociale. Per un ulteriore approfondimento sul tema, si prenderà in esame la problematica della sicurezza stradale intesa, si, come dovere di ogni cittadino a rispettare le norme del codice della strada nella salvaguardia della propria e dell’altrui vita, ma anche e soprattutto come un senso di responsabilità più radicale. Analizzeremo in particolar modo l’impatto che questi dati hanno sui giovani e come loro affrontano la pubblicità sociale e il problema che esso scaturisce.
Dopo aver effettuato un’analisi ambientale del fenomeno dell’incidentalità stradale in Italia, si analizzeranno nello specifico le più importanti campagne di sensibilizzazione realizzate ad oggi, il mondo esistente dei programmi, dei servizi e dei gadget per ridurre il numero di incidenti stradali legati all’assunzione di alcol.
Il risultato verrà poi ulteriormente analizzato tramite un’intensa sessione qualitativa di cui verranno esaminati e commentati i risultati. Si arriverà così a delineare le linee guida per ciò che sarà un servizio ideale di riaccompagno e prevenzione, come supporto alla tutela della guida in stato di ebbrezza.pr

Mostra/Nascondi contenuto.
PRESENTAZIONE Il presente lavoro si occupa del tema della prevenzione e informazione per un divertimento responsabile contro le stragi del sabato sera. Lo studio è stato basato sulle tecniche e teorie dell’ergonomia cognitiva, per analizzare ciò che sono gli aspetti fondamentali del problema e cercare una soluzione attraverso una attenta metodologia. L’introduzione alla scelta apre la discussione sui drammi sociali e la cultura del divertimento nell’età giovanile, analizzando l’ambivalenza dell’alcol e la problematicità dell’informazione e della prevenzione nel senso più generale del tema. Ecco introdotto il capitolo legato al target di riferimento, il più toccato dalle problematiche prima indicate e sicuramente quello che necessita maggiormente di uno studio approfondito. La complessità del target e la gravità del problema non potevano evitare un’accurata indagine sulla tematica legata all’alcol: dati, usanze e conseguenze di una sostanza che per molti aspetti incide sulla vita dei giovani d’oggi, e che se accostata alla guida può creare un nocivo cocktail di rischi e pericoli per la vita propria e altrui. Successivamente si darà spazio alla comunicazione, intesa come strumento indispensabile per una soluzione possibile, non casuale, ma attentamente studiata. Fino alla seconda metà degli anni ottanta infatti, l’uso della comunicazione persuasiva a fini di pubblico interesse ha rappresentato una pratica limitata. È solo nel corso di quest’ultimo decennio che la pubblicità sociale ha conosciuto un’impressionante espansione e soprattutto un aumento dei soggetti che la utilizzano. Per questo motivo, si è dedicata una parte generale all’introduzione al fenomeno della pubblicità sociale. Per un ulteriore approfondimento sul tema, si prenderà in esame la problematica della sicurezza stradale intesa, si, come dovere di ogni cittadino a rispettare le norme del codice della strada nella salvaguardia della propria e dell’altrui vita, ma anche e soprattutto come un senso di responsabilità più radicale. Analizzeremo in particolar modo l’impatto che questi dati hanno sui giovani e come loro affrontano la pubblicità sociale e il problema che esso scaturisce. Dopo aver effettuato un’analisi ambientale del fenomeno dell’incidentalità stradale in Italia, si analizzeranno nello specifico le più importanti campagne di sensibilizzazione realizzate ad oggi, il mondo esistente dei programmi, dei servizi e dei gadget per ridurre il numero di incidenti stradali legati all’assunzione di alcol. Il risultato verrà poi ulteriormente analizzato tramite un’intensa sessione qualitativa di cui verranno esaminati e commentati i risultati. Si arriverà così a delineare le linee guida per ciò che sarà un servizio ideale di riaccompagno e prevenzione, come supporto alla tutela della guida in stato di ebbrezza.

Laurea liv.I

Facoltà: Architettura

Autore: Silvia Blazina Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 614 click dal 13/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.