Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli statistici nella previsione delle maree a Venezia

La previsione del livello del mare e delle relative maree a Venezia ha sempre avuto una grande importanza per la vita socio-economica della città. Il problema dell’acqua alta a Venezia è presente dalle origini della città e svariate inondazioni eccezionali indussero lo stato veneziano a eseguire dei lavori di salvaguardia e monitoraggio molto prima che in altre parti del mondo. Difatti l’inizio dei rilievi sistematici dei livelli del mare risale alla fine del XIX secolo, considerando dapprima in centro storico e poi,via via,anche in altri siti.
Venezia,assieme a Trieste, Genova e Ravenna vanta la serie storica più lunga delle osservazioni mareografiche in Italia. La stazione di Punta della Salute a Venezia, operante dal 1923, è tutt’ora in esercizio e costituisce il punto di riferimento per tutto il centro storico, sia per l’osservazione delle maree che per il monitoraggio di fenomeno di lungo periodo, quali l’innalzamento globale del livello medio mare e la subsidenza .
In questa tesi, dopo aver introdotto nel capitolo 2 il fenomeno dell’alta marea a Venezia, ci si propone, nel capitolo 3, di presentare i vari metodi utilizzati per la previsione del livello marino nella laguna, concentrandosi sulle metodologie di tipo statistico e solo accennando ai metodi deterministici. Infine nel capitolo 4, viene presentata un’applicazione pratica sulla serie storica di Punta Salute descrivendo poi i risultati ottenuti.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 INTRODUZIONE La previsione del livello del mare e delle relative maree a Venezia ha sempre avuto una grande importanza per la vita socio-economica della città. Il problema dell’acqua alta a Venezia è presente dalle origini della città e svariate inondazioni eccezionali indussero lo stato veneziano a eseguire dei lavori di salvaguardia e monitoraggio molto prima che in altre parti del mondo. Difatti l’inizio dei rilievi sistematici dei livelli del mare risale alla fine del XIX secolo, considerando dap- prima in centro storico e poi, via via, anche in altri siti. Venezia, assieme a Trieste, Genova e Ravenna vanta la serie storica più lunga delle osservazioni mareogra- fiche in Italia. La stazione di Punta della Salute a Venezia, operante dal 1923, è tutt’ora in esercizio e costituisce il punto di riferimento per tutto il centro storico, sia per l’osservazione delle maree che per il monitoraggio di fenomeno di lungo periodo, quali l’innalzamento globale del livello medio mare e la subsidenza 1 . In questa tesi, dopo aver introdotto nel Capitolo 2 il fenomeno dell’alta marea a Venezia, ci si propone, nel Capitolo 3, di presentare i vari metodi utilizzati per la previsione del livello marino nella laguna, concentrandosi sulle metodologie di tipo statistico e solo accennando ai metodi deterministici. Infine nel capito- lo 4, viene presentata un’applicazione pratica sulla serie storica di Punta Salute descrivendo poi i risultati ottenuti. 1 Il termine subsidenza indica il fenomeno di sprofondamento del suolo per cause naturali e antropiche, il quale è dovuto principalmente all’emungimento delle falde acquifere 1

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Marta Vicino Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 421 click dal 17/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.