Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicare l'ambiente: il green nella comunicazione. Come organizzare eventi sostenibili. Il caso di Ecomondo

La salute dell’ambiente in cui viviamo riguarda tutti, direttamente e indirettamente, ed è per questo che occorre introdurre l’elemento ambiente in ogni azione dell’uomo mettendo le persone nelle condizioni di sapere, essere ascoltate e agire virtuosamente per salvare il pianeta. L’informazione è solo la prima parte della questione climatica e la comunicazione ambientale, nella sua funzione di ascolto dei problemi del pianeta, conoscenza e trasmissione di essi, assume un ruolo di primaria importanza anche grazie agli eventi: un formidabile mezzo di comunicazione in grado di veicolare grandi messaggi. Questo studio nasce dalla consapevolezza che gli eventi, oltre ad essere un momento di scambio e di incontro, rappresentano un problema ambientale ed oggi è possibile realizzarli in maniera sostenibile. Ma come? L’interrogativo che anima questo studio ruota intorno alla ricerca delle modalità con cui organizzare eventi a basso impatto ambientale, ponendosi come obiettivo l’elaborazione di linee generali della “buona organizzazione sostenibile” applicabili ad ogni manifestazione. Per raggiungere lo scopo si è intrapreso un percorso di “messa a fuoco” descrivendo lo stato del pianeta, le emergenze verdi, lo sviluppo sostenibile, la Green Economy e la comunicazione ambientale, concentrandosi sugli eventi sostenibili. Si sono quindi elaborate dieci linee generali per la buona organizzazione di un evento sostenibile e si sono applicate ad un caso concreto: la fiera di Ecomondo, salone leader in Italia e fra i principali appuntamenti green europei. L’analisi, di taglio critico-propositivo, ha messo in luce sia azioni positive realizzate dall’organizzazione, sia pratiche che possono essere migliorate in virtù della sostenibilità. L’elaborato ha mostrato quanto l’organizzazione di un evento sostenibile sia frutto di un’azione partecipata che coinvolge molti attori diventando, così, un progetto sistemico; in questo nuovo processo di organizzazione la comunicazione ha un grande compito: costruire un linguaggio comune - anello di congiunzione tra i vari attori - che trasmette, con tutta la sua forza, l’impegno e la responsabilità ambientale. Le linee generali tracciate non vogliono essere un punto di arrivo, ma una nuova partenza. Organizzare eventi a basso impatto ambientale non è la soluzione ai seri problemi ambientali, ma è un piccolo tassello della rivoluzione green, quella rivoluzione che arriva dal basso, che vede i cittadini protagonisti e che considera la Green Economy un motore di cambiamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Io sono me più il mio ambiente e se non preservo quest'ultimo non preservo me stesso” Josè Ortega y Gasset 2011. Secondo il calendario Maya, tra meno di un anno il mondo dovrebbe finire, mentre secondo le previsioni di climatologi, geologi, chimici e antropologi, la Terra non avrà vita così breve, tuttavia non gode di ottima salute. A causa dell’aumento dei disastri ambientali, sempre più frequenti e sotto gli occhi di tutti, la popolazione 1 sta diventando più sensibile verso le tematiche ambientali. Perché? Perché la salute dell’ambiente in cui viviamo riguarda tutti, direttamente e indirettamente, ed è per questo che la questione ambientale diviene trasversale rispetto ad ogni azione dell’uomo: dal lavoro, ai bisogni, ai comportamenti, agli acquisti e a tutto quello che riguarda il modo di vivere. Introdurre l’elemento ambiente in ogni azione che l’uomo compie è la base su cui si sviluppa la rivoluzione green; scegliere azioni eco-compatibili è sia un gesto verde, sia un forte atto di responsabilità e civismo, sia un efficace atto comunicativo verso la comunità: per questo occorre che le persone siano messe nelle condizioni di sapere, essere ascoltate e poi agire virtuosamente per salvare il pianeta. L’informazione è solo la primissima parte della questione climatica e la comunicazione ambientale nella sua funzione di ascolto dei problemi del pianeta, conoscenza e trasmissione di essi, assume un ruolo di primaria importanza anche grazie agli eventi: un formidabile mezzo di comunicazione in grado di veicolare grandi messaggi. Annalisa Bonvicini Comunicare l'ambiente: il green nella comunicazione Come organizzare eventi sostenibili. Il caso di Ecomondo 6 1 Con il termine “tutti”, si intende la popolazione cosiddetta occidentale, quella parte di mondo che può permettersi di pensare a problemi legati all’ambiente e non ha altre priorità da soddisfare.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Annalisa Bonvicini Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4228 click dal 20/06/2011.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.