Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riforma della previdenza, tasso di sostituzione e ruolo dei fondi pensione.

In questo elaborato ci si è occupati di esporre il sistema previdenziale dell'Italia e dei maggiori paesi europei. E' stato evidenziato il concetto di tasso di sostituzione(percentuale della pensione percepita in rapporto all'ultima retribuzione) e sono state illustrate le principali riforme del sistema pensionistico italiano. Sono stati trattati i tre sistemi di calcolo della pensione pubblica ed esempi effettivi utilizzando dati INPS per arrivare alle possibili soluzioni del problema pensionistico.


Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il sistema previdenziale rappresenta uno degli aspetti di maggior rilievo che caratterizzano l‟economia di un paese. L‟Italia, come tutti i paesi (soprattutto quelli dell‟Unione Europea), ha dovuto affrontare il problema previdenziale perché era contraddistinto da numerose problematiche. Il tema del tasso di sostituzione, ovvero della percentuale che la prestazione pensionistica rappresenta in proporzione dell‟ultima retribuzione percepita, costituisce un aspetto importante nella determinazione della prestazione pensionistica nel definire il livello di soddisfazione degli individui. In questo elaborato ci si occupa di presentare le riforme più importanti (la riforma Dini del 1995 e la riforma Maroni del 2004), che hanno caratterizzato il sistema pensionistico italiano e di evidenziarne gli effetti sull‟entità del tasso di sostituzione, cioè il rapporto tra la prima pensione e l‟ultimo stipendio di un lavoratore, presente nel nostro paese. L‟obiettivo fondamentale del lavoro svolto è quello di dimostrare l‟essenzialità dell‟utilizzo della pensione integrativa per portare il tasso di sostituzione a dei livelli ritenuti adeguati per mantenere un certo tenore di vita, raggiunto durante l‟attività lavorativa, anche nell‟età di pensionamento. Tutto questo poiché l‟ammontare del tasso di sostituzione, garantito dalla sola pensione pubblica, non è sufficiente ad assicurare il mantenimento degli standard di vita raggiunti nell‟età lavorativa. La trattazione parte dalla definizione di tasso di sostituzione (paragrafo 1.1), per passare successivamente all‟analisi del sistema previdenziale italiano (con l‟esposizione delle riforme più importanti), per mostrare l‟impatto che ha la pensione pubblica sul tasso di sostituzione (paragrafo 1.2). Alla fine del primo capitolo vengono illustrati i tre sistemi di calcolo della pensione pubblica, che sono stati introdotti dalle riforme esposte in precedenza. Di seguito è proposto un confronto tra il sistema pensionistico italiano e quello di alcune realtà dell‟Unione Europea: vengono commentati brevemente il sistema

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Christian Bortone Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 499 click dal 17/06/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.