Skip to content

L'innovazione di un hotel con centro benessere

Informazioni tesi

  Autore: Michela Greco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Turismo
  Relatore: Roberto Comneno d'Otranto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

L’elaborato tratta, dato il crescente interesse dei viaggiatori per il turismo del benessere, della possibilità di innovare l’offerta ricettiva alberghiera grazie a una “spa” o centro benessere.
L’analisi mostra, in primo luogo, la crescente attenzione dei turisti per il settore wellness, che, negli ultimi anni, non ha mostrato gli stessi segni di contrazione di altri reparti. Vari sono stati i dati e gli studi portati a conferma del fenomeno, mostrando che non si può trattare di una moda, e come tale effimera e passeggera, bensì di un fenomeno duraturo e su cui gli operatori del settore potrebbero e dovrebbero investire.
Un centro benessere in una struttura alberghiera rappresenta un investimento importante e occorre, quindi, pianificare i diversi aspetti della gestione: dalle risorse umane alla progettazione, dalla promozione tramite i recenti sviluppi del web 2.0 all’analisi dei target di mercato, fino a considerare quanto un investimento del genere possa essere redditizio. È questo il contenuto del secondo capitolo.
Diverse personalità del settore dell’hotellerie e, in particolare, del wellness, hanno sottolineato l’importanza di realizzare un tale investimento, puntando sull’aspetto salutistico, su un’offerta che integri le aree wellness, fitness ed estetica; non manca l’accenno alla mancanza di una legislazione che disciplini un settore in così forte espansione. Argomento, questi, trattati nel terzo capitolo.
Da ultimo, l’elaborato tratta due casi studio: da un lato quello delle Terme di Livigno, come esempio di integrazione nel settore termale, e dall’altro quello delle Terme di Pompeo, che rappresentano un valido caso di riorganizzazione nel settore termale a fronte di una domanda in continua evoluzione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 1 – IL TURISMO DEL BENESSERE: UN BUSINESS IN ESPLOSIONE E’ noto che l’attuale ricerca del benessere psico-fisico e la conseguente offerta di servizi a tale scopo costituiscono una filosofia ormai radicata nella cultura occidentale. Vi è un’importanza crescente del “mercato del benessere”, a cui l’uomo del Terzo Millennio ricorre, dati i ritmi frenetici della vita quotidiana e lo stress associato. Si tratta di un interesse più antico di quanto si possa immaginare. Già Giovenale, tra il I e il II secolo a.C., scriveva il famoso detto “Mens sana in corpore sano”: uno star bene non solo con il corpo, ma anche e soprattutto con mente e spirito. Reperti archeologici, così come testimonianze letterarie e scientifiche mostrano che l’impiego delle acque termali, nel bacino del Mediterraneo, era già conosciuto in tempi antichi. I Greci praticavano bagni in acque calde e, non a caso, erigevano templi laddove sorgevano località termali: ne sono degli esempi il Tempio di Apollo a Delfi o quello di Olimpia. Le popolazioni antiche credevano che la presenza di divinità giustificasse i poteri e le proprietà terapeutiche delle acque. Anche i Romani esaltarono le terme come strumento di cura e relax, realizzando monumentali Thermae pubbliche. Nella sola Roma vennero censiti 800 stabilimenti termali pubblici e privati, ma le terme si diffusero in tutto l’impero, ove erano presenti le fonti. I Romani sostenevano le proprietà curative ed igieniche delle terme, ma ben presto divennero un piacere. Con la caduta dell’impero Romano, il conseguente disfacimento delle strutture e la diffusione della religione cristiana che invitava ad evitare luoghi che non fossero chiese, il fenomeno sociale e culturale delle terme cadde in disuso. Nel Medioevo la pratica termale era riservata a fini terapeutici. A tale periodo si fanno risalire i primi studi idrologici, condotti con lo scopo di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi