Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disturbo dell’alimentazione e processo psicoterapeutico: studio preliminare single-case sull’interruzione precoce del trattamento terapeutico da parte di una paziente affetta da Anoressia Nervosa

Scopo di questo lavoro preliminare è la presentazione di alcuni risultati ottenuti dall’elaborazione dei dati ricavati dall’analisi di un caso di interruzione di trattamento (drop-out) in una paziente grave con Disturbo dell’Alimentazione (Anoressia Nervosa).
Il lavoro è stato impostato come studio single-case di carattere qualitativo e descrittivo proponendosi come obiettivo l’idea di individuare alcuni strumenti di facile utilizzo da poter utilizzare anche con pochi colloqui come nei casi di drop-out, per poter dare un senso al processo terapeutico e poter valutare un eventuale cambiamento clinico. Fino ad oggi il concetto di Alleanza Terapeutica si è posto come costrutto fondamentale, mentre nella valutazione del process sta acquistando importanza quello di Metacognizione sia per quanto riguarda gli studi sull’outcome e la ricerca sul processo in generale, sia per quanto riguarda lo studio del DA.
La ricerca è stata effettuata attraverso l’analisi qualitativa dei colloqui di una paziente che si è rivolta al servizio SAP e che ha interrotto la terapia dopo 9 sedute (drop-out tardivo): inizialmente è stata fatta una valutazione diagnostica (la fase di assessment è stata arricchita dalla comparazione di più strumenti) e successivamente è stata fatta un’analisi del process. Ai colloqui è stato applicato il Discourse Flow Analysis ed è stato valutato il cambiamento del Profilo Diagnostico con il confronto della SWAP-200 iniziale e finale, è stato analizzato l’evolversi delle funzioni meta cognitive con la SVaM e si è cercato un indice ci cambiamento con la CHAP di Sandell, un’intervista semi-strutturata che può essere utilizzata anche in base alla conoscenza del paziente. E’ stata inoltre applicata la WAI-T per la valutazione dell’alleanza di lavoro percepita dal terapeuta in fase iniziale e finale.
La letteratura riguardo al drop-out in pazienti con Disturbo dell’Alimentazione e in particolare Anoressia Nervosa è poca, come poca la letteratura che offra ricerche con strumenti (pochi e calibrati) che permettano di poter già con pochi colloqui analizzare l’andamento del processo terapeutico per poter centrare il focus terapeutico e prevedere eventuali abbandoni prematuri, che nel caso di pazienti con DA sono molto elevati.
Dall’analisi del process e tenendo conto degli aspetti diagnostici si è cercato non solo di prendere atto dell’abbandono della terapia (drop-out), ma di dare un significato a quanto successo. Per questo motivo abbiamo accantonato la prospettiva del fallimento terapeutico per valutare gli aspetti di cambiamento e gli sviluppi di questo pur breve scambio relazionale tra paziente e terapeuta.
Per questo motivo tale lavoro si pone come spunto di riflessione in un ambito della ricerca sul processo terapeutico in continua crescita come punto di partenza per ulteriori sviluppi e per una futura sistematizzazione di strumenti che possano dare un aiuto nella pratica clinica.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Scopo di questo lavoro preliminare è la presentazione di alcuni risultati ottenuti dall‟elaborazione dei dati ricavati dall‟analisi di un caso di interruzione di trattamento (drop-out) in una paziente grave con Disturbo dell‟Alimentazione (Anoressia Nervosa). Il lavoro è stato impostato come studio single-case di carattere qualitativo e descrittivo proponendosi come obiettivo l‟idea di individuare alcuni strumenti di facile utilizzo da poter utilizzare anche con pochi colloqui come nei casi di drop-out, per poter dare un senso al processo terapeutico e poter valutare un eventuale cambiamento clinico. Fino ad oggi il concetto di Alleanza Terapeutica si è posto come costrutto fondamentale, mentre nella valutazione del process sta acquistando importanza quello di Metacognizione sia per quanto riguarda gli studi sull‟outcome e la ricerca sul processo in generale, sia per quanto riguarda lo studio del DA. La ricerca è stata effettuata attraverso l‟analisi qualitativa dei colloqui di una paziente che si è rivolta al servizio SAP e che ha interrotto la terapia dopo 9 sedute (drop-out tardivo): inizialmente è stata fatta una valutazione diagnostica (la fase di assessment è stata arricchita dalla comparazione di più strumenti) e successivamente è stata fatta un‟analisi del process. Ai colloqui è stato applicato il Discourse Flow Analysis ed è stato valutato il cambiamento del Profilo Diagnostico con il confronto della SWAP-200 iniziale e finale, è stato analizzato l‟evolversi delle funzioni meta cognitive con la SVaM e si è cercato un indice ci cambiamento con la CHAP di Sandell, un‟intervista semi-strutturata che può essere utilizzata anche in base alla conoscenza del paziente. E‟ stata inoltre applicata la

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Elena Zenati Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1412 click dal 20/06/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.