Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Presenze di Ludovico Ariosto nella narrativa di Italo Calvino

L’incontro di Calvino con Ariosto è assai evidente, e molto esibito dall’autore stesso, in modo macroscopico in alcuni libri come Il Cavaliere inesistente e Il Castello dei destini incrociati , dove ricompaiono i nomi (Bradamante e Salomone di Bretagna) ma anche le vicende (Orlando e Astolfo nel Castello) dei personaggi ariosteschi. Da non dimenticare , inoltre, che Calvino fu autore anche di un fortunato racconto del Furioso, nei termini di una scelta antologica del poema, opera del 1970.

Il lavoro proposto dalla tesi si pone dunque l’obiettivo di mettere in luce la relazione tra Calvino e Ariosto e più in particolare con l’Orlando Furioso, e di evidenziare la presenza delle vicende e dei personaggi del poema nelle opere di Calvino, mettendo l’accento su come l’autore sanremese abbia riletto e dato nuova vita agli eroi dell’Ariosto.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nato a Cuba nel 1923 da una madre botanica e fitologa ed un padre agronomo, Italo Calvino ebbe un’infanzia movimentata , su uno sfondo familiare laico, borghese, antifascista, con lontani ricordi massonici. Dalla nascita cubana e dal successivo trasferimento nell’ambiente mediterraneo della riviera ligure, Calvino derivò certamente quell’amore inconscio per l’azione e il viaggio, quel “ complesso ariostesco”, familiare e letterario, che costituirà in seguito il carattere peculiare della sua poetica. L’infanzia di Calvino, a stretto contatto con l’esplorazione continua e misteriosa delle piante e della natura , si traduce nel binomio tutto calviniano fantasia-sguardo o , se si vuole, favola e realtà. Dopo un iniziale fase neorealista, scaturita dalla partecipazione del giovane Calvino alla lotta partigiana e alla conseguente pubblicazione del suo primo romanzo “Il sentiero dei nidi di ragno” , l’autore si rivolge ad un genere che gli è più congeniale, la favola. 2

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cinzia Cupersito Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3087 click dal 17/06/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.