Skip to content

Giornalismo Partecipativo: l'informazione al tempo di Internet

Informazioni tesi

  Autore: Piergiorgio Lisanti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria dell'informazione
  Relatore: Nicoletta Gay
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

Il mondo dell'informazione sta cambiando radicalmente in questi anni e nuove forme di giornalismo, come il giornalismo partecipativo, o citizen journalism, stanno prendendo piede. Il giornalismo appunto, stretto tra la forte crisi dell'editoria (specialmente quella cartacea) e l'avvento delle nuove tecnologie digitali, sta vivendo un momento di profondi rinnovamenti. La presente monografia da un lato vuole indagare quelle criticità intrinseche al "business model" tipico del "giornalismo mainstream" (per come si è delineato nel XX secolo) dall'altro affronta il tema dello stravolgimento dei modelli comunicativi introdotto dai media digitali e ne valuta, sia a livello teorico sia tramite esempi concreti, l'impatto sul mondo dell'informazione e, in particolare, sul giornalismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il mondo dell'informazione sta cambiando radicalmente con il web. Le vicende intorno al cosiddetto “ cablegate ”, cioè la pubblicazione di un importante database di rapporti diplomatici ufficiali da parte dell'organizzazione no-profit wikileaks, sembrerebbero confermarlo 1 . Internet è stato il mezzo con cui è stato possibile consegnare, teoricamente a milioni di persone, una mole impressionante di documenti riservati delle ambasciate americane: si tratta, in sostanza, delle opinioni di funzionari che svelano il giudizio americano riguardo a persone e avvenimenti di politica estera. Le rivelazioni di wikileaks hanno infastidito il potere politico e hanno varcato i confini di internet arrivando anche sui canali informativi tradizionali. Il caso dei cablogrammi di wikileaks ha generato una serie di eventi sintomatici dello svilente rapporto di potere tra politica e giornalismo tradizionale vigente nelle democrazie occidentali e dell'attuale sistema mediatico più in generale. Il web si conferma ancora una volta come mezzo che, in certe circostanze, è in grado di modificare l' agenda setting dei canali informativi mainstream ; in Italia (come in molti altri Paesi), nonostante un'iniziale reticenza, il “cablegate” è arrivato ad occupare largo spazio su giornali e notiziari televisivi 2 . I toni in cui se ne è parlato sui canali tradizionali sono tutt'altro discorso: sotto questo punto di vista si è subito rivelato un generalizzato ostracismo nei confronti di wikileaks; quest'ultima è stata spesso dipinta al pari di un' organizzazione terroristica e sul suo stesso fondatore, Julian Assange, 1 Massimo Razzi su Repubblica titola Il giorno che cambiò l'informazione. L'informazione parte del web e i canali tradizionali fanno da spalla: http://www.repubblica.it/esteri/2010/11/28/news/il_giorno_che_cambi_l_informazione-9619865/? ref=HREA-1 (ultimo accesso Gennaio 2011). L'opera di wikileaks spinge fortemente nella direzione della trasparenza dei governi nei confronti dei cittadini http://www.lsdi.it/2010/10/31/wikileaks-e-cominciata-l %E2%80%99-era-della-trasparenza/ (ultimo accesso Gennaio 2011) 2 Sul sito Articolo21 un breve resoconto della trattazione del caso “cablegate” nei tg del 29 Novembre 2010: http://www.articolo21.org/2165/notizia/il-mondo-irretito-da- wikileaks.html .(ultimo accesso Gennaio 2011) Qui invece alcuni screenshot delle prime pagine di alcuni quotidiani di stampa internazionale: http://www.ladige.it/gallery/album.php?id_album=338 (ultimo accesso Gennaio 2011)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

wiki
social network
citizen journalism
media digitali
mainstream
global voices
chomsky
giornalismo
agora vox
rivolte iran
informazione
attentato 11m
giornalismo partecipativo
crowdfunding
feed
cms
blog
media
editoria
media collaborativi
crisi editoria
indymedia
new media
internet

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi