Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pier Paolo Pasolini: arte, impegno e critica di un marxista eretico

Pasolini ti voglio bene!
Basta guardarsi un po’ intorno, leggere un giornale, parlare con la gente per rendersi conto che gli anatemi che lanciava Pasolini contro la società possono con tranquillità essere condivisi dagli intellettuali del nostro presente. Uno sfrenato consumismo che fa di ogni cosa una merce, dal corpo ai valori passando per i diritti, tutto sembra un ottimo prodotto da vendere se non un ottimo pretesto per farsi pubblicità, per avere successo e raggiungere il benessere. Un benessere che appare esclusivamente materiale. Dunque, prendendo in prestito le parole che Platone fa dire a Socrate, possiamo dire che oggi come non mai nella storia dell’uomo occorre dedicarsi alla cura dell’anima, una cura che Pasolini così come un Socrate dei nostri tempi ha cercato di diffondere con il suo stesso insegnamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Pasolini ti voglio bene! Forse un incipit di questo tipo per iniziare la propria tesi è inusuale ma non riesco a pensare ad altro modo: voglio bene a Pasolini perché per me ciò che ha detto ha ancora un sapore forte, veritiero, contemporaneo. Sono passati più di 36 anni dalla sua morte e mai come oggi si sente la mancanza del suo grido provocatore, della sua sagacia, della denuncia amara delle sue parole, perché oggi più di ieri si è realizzato quell’edonismo di massa, quella società sfacciatamente consumista che lui condannava. Basta guardarsi un po’ intorno, leggere un giornale, parlare con la gente per rendersi conto che gli anatemi che lanciava Pasolini contro la società possono con tranquillità essere condivisi dagli intellettuali del nostro presente. Uno sfrenato consumismo che fa di ogni cosa una merce, dal corpo ai valori passando per i diritti, tutto sembra un ottimo prodotto da vendere se non un ottimo pretesto per farsi pubblicità, per avere successo e raggiungere il benessere. Un benessere che appare esclusivamente materiale. Dunque, prendendo in prestito le parole che Platone fa dire a Socrate, possiamo dire che oggi come non mai nella storia dell’uomo occorre dedicarsi alla cura dell’anima, una cura che Pasolini così come un Socrate dei nostri tempi ha cercato di diffondere con il suo stesso

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Salamone Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1043 click dal 24/06/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.