Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Energia Fotovoltaica - il Terzo Conto Energia: Presentazione di un caso pratico

Analisi dell'evoluzione delle Fonti Energetiche Rinnovabili in Italia con particolare attenzione alla tecnologia Fotovoltaica e all'evoluzione del sistema di incentivazione "Conto Energia". Il Risparmio energetico negli edifici. Presentazione di un caso pratico con studio di fattibilità per la realizzazione di un impianto fotovoltaico presso la Facoltà di Economia "Federico Caffè" dell'Università degli Studi Roma Tre, con analisi dei possibili vantaggi sia sul piano economico che ambientale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1): Le Energie Rinnovabili 1.1) Energie rinnovabili e bilancio elettrico nazionale (dati 2009) La crisi economica esplosa negli ultimi mesi del 2008 negli Stai Uniti ha determinato un forte rallentamento dell'economia mondiale ed una fase recessiva per la maggior parte delle economie occidentali comportando una calo generalizzato dei consumi e conseguentemente dei livelli di produttività per le imprese. Questa riduzione si è ovviamente riflessa sul livello di fabbisogno elettrico nazionale: si è passati da 339,5 TWh di energia elettrica richiesta 1 nel 2008 a 320,3 TWh nel 2009, una riduzione pari quasi al 6% che ha interrotto il trend positivo di crescita dei consumi elettrici (una riduzione così drastica non si verificava dal 1949, -9% 2 ). Gli effetti maggiori si sono verificati nel settore industriale in cui i consumi di energia elettrica sono diminuiti del 14%: da 151,3 TWh del 2008 a 130,5 TWh del 2009. Tra i comparti maggiormente colpiti troviamo quello siderurgico che è passato da 21,6 a 15,7 TWh (-27%). I consumi negli altri settori, nonostante la crisi, sono rimasti pressoché invariati: Agricoltura -0,3%; Terziario +1,3%; Domestico +0,8%. A variare è stato il loro peso relativo: i consumi domestici sono passati dal 21% del totale dei consumi nel 2008 al 23% nel 2009, quelli del terziario dal 29% al 32% mentre quelli agricoli sono rimasti al 2%. 2008 2009 Var. % Agricoltura 5669,5 5649,9 -0,30% Industria 151366,6 130505,5 -13,80% Terziario 93612,2 94834,9 1,30% Domestico 68388,9 68924,4 0,80% Totale 319037,2 299915,2 -6,00% Tabella n.1, Consumi energia elettrica in Italia (GWh), Fonte AEEG Per produzione lorda si intende la somma delle quantità di energia elettrica prodotte da varie tipologie di impianto misurate ai morsetti dei generatori elettrici, si tratta di una misura effettuata prima di una eventuale detrazione di energia per alimentare le stazioni di pompaggio e non considerando gli autoconsumi delle centrali. Per produzione netta si 1) L' energia richiesta su una rete , in un determinato periodo, è la produzione destinata al consumo meno l'energia elettrica esportata più l'energia elettrica importata. L'energia elettrica richiesta è anche pari alla somma dei consumi di energia elettrica presso gli utilizzatori ultimi e delle perdite di trasmissione e distribuzione) 2) Terna Produzione e richiesta di energia elettrica in Italia dal 1883 al 2009 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alfredo Mottola Contatta »

Composta da 232 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1932 click dal 24/06/2011.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.