Skip to content

L'intervento statunitense in Bosnia-Erzegovina (1992-1995)

Informazioni tesi

  Autore: Gabriella Rita Tesoro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Gregory Alegi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 224

La guerra in Bosnia-Erzegovina scoppiò in un momento molto particolare della storia delle relazioni internazionali. Se durante l’epoca della cortina di ferro (1946-1989) gli equilibri geopolitici erano relativamente semplici, dettati rigidamente dalla bipolarità del confronto Usa-Urss, con la caduta del muro di Berlino, questo schema si spezzò.
La Jugoslavia fu tra le prime vittime della rottura di questi equilibri e la sanguinosa guerra che ne seguì mise chiaramente in luce come gli Stati Uniti fossero rimasti l’unico paese in grado di svolgere il ruolo di potenza mondiale.
Sia Bush che Clinton non volevano agire in Bosnia perché erano convinti che della questione dovesse occuparsene l’Europa e perché, finita la Guerra Fredda, non erano più interessati a fare i “gendarmi del mondo” dopo che per quasi mezzo secolo gli americani avevano seguito una politica estera decisamente attiva.
Washington non aveva particolari interessi in Bosnia-Erzegovina e considerava le vicende jugoslave come una “palude” in cui non aveva alcuna voglia di impantanarsi, mantenendo così in vita la tradizione risalente a Wodroow Wilson secondo cui era meglio tenersi alla larga dall’aggressività e dall’ambiguità balcanica. Aleggiava inoltre lo spettro del Vietnam e più passavano i mesi più sembrava che Sarajevo stesse diventando persino peggio di Saigon.Un ulteriore disincentivo ad intervenire nei Balcani venne dalla disastrosa missione in Somalia dove i soldati Usa, messa da parte l’imparzialità della missione Onu, si trasformarono in una delle tante fazioni in lotta nella guerra civile. Dopo il fallimento della missione somala si cominciò a parlare di una “linea di Mogadiscio” che gli americani avevano sorpassato in Somalia e che non avrebbero dovuto superare in Bosnia-Erzegovina.
A partire dal 1994 Washington mostrò un maggiore interesse per il problema balcanico. I motivi di questa svolta furono principalmente quattro. In primo luogo, la questione stava diventando un tema elettorale e il presidente Bill Clinton fu obbligato a scendere in prima linea per sopravvivere politicamente, per via delle pesanti critiche giunte alla sua amministrazione (definita persino peggio di quella di Carter) e per via di un’opposizione repubblicana, guidata dal senatore Bob Dole, che si faceva sempre più consistente. In secondo luogo, divenne palese l’inettitudine del vecchio continente nel risolvere la situazione. In terzo luogo, in uno scenario imprevedibile come quello del mondo post Guerra Fredda, diventava quanto mai necessario avere un’Europa pacifica per mettere ordine ed equilibrio in quelle relazioni internazionali che dovevano, per forze di causa maggiore, essere ridefinite. Infine, come dimostrò il discorso che Clinton fece ai suoi cittadini il 27 novembre del 1995, in cui chiese l’appoggio della nazione per inviare le truppe in Bosnia, l’intervento Usa nei Balcani derivò anche da quel senso di responsabilità e di dovere che il “Manifest Destiny” ha da sempre affidato agli americani, scelti dalla divina provvidenza come garanti della democrazia.
In seguito al massacro di Srebrenica gli eventi si susseguirono a una velocità che, in quattro anni di guerra, non si era mai vista. Dopo che il consigliere per la Sicurezza nazionale, Anthony Lake, elaborò il piano “Endgame”, ci furono sforzi diplomatici ad agosto; pesanti bombardamenti Nato a settembre; il cessate il fuoco ad ottobre; Dayton a novembre e il dispiegamento di 20 mila soldati americani a dicembre.
Tuttavia, per quanto risolutivi al momento della loro stipulazione, gli accordi di Dayton non hanno risolto il problema alla radice. Questa tesi pone pertanto il dubbio se sia il caso di far intervenire nuovamente la diplomazia americana per rivedere e correggere quelle mancanze che, nella fretta di concludere l’accordo di pace, vennero considerate non impellenti, ma la cui risoluzione, oggi più che mai, sembra necessaria per arrivare a una pace duratura e stabile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 I IN NT TR RO OD DU UZ ZI IO ON NE E «Noi non siamo isolazionisti, se non nella misura in cui cerchiamo di isolarci completamente dalla guerra. Ma dobbiamo ricordare che, finché la guerra esiste sulla terra, ci sarà il rischio che anche la nazione che più ardentemente desidera la pace possa essere trascinata in guerra» Franklin Delano Roosevelt, 1936 Nel corso della loro storia gli Stati Uniti hanno avuto una politica estera a metà tra isolazionismo e interventismo, tra realismo e idealismo e tra hard power e soft power. Queste caratteristiche sono emerse anche durante la guerra in Bosnia- Erzegovina e sono state la causa del tardivo intervento Usa, avvenuto quattro anni dopo lo scoppio della guerra nei Balcani. Difatti, sia Bush che Clinton non volevano agire in Bosnia sia perché erano convinti che della questione dovesse occuparsi l‟Europa, sia perché, finita la Guerra Fredda, non erano più interessati a fare i “gendarmi del mondo” dopo che per quasi mezzo secolo gli americani avevano seguito una politica estera decisamente attiva. «In fin dei conti» disse il segretario di Stato Baker «Gli Stati Uniti avevano combattuto durante questo secolo tre guerre in Europa, due calde e una fredda. E questo bastava sicuramente, soprattutto perché si era appena

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nato
george h. bush
bob dole
milosevic
boutros-ghali
tudjam
pale
cetnici
balcani
jugoslavia
kosovo
sarajevo
karadzic
onu
knin
tito
mladic
bill clinton
eltsin
srebrenica
bosnia erzegovina
somalia
stati uniti
izetbegovic

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi