Skip to content

Confronto fra diverse tipologie di abbattimento ed esbosco in tre regioni italiane

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Laudati
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Scienze e tecnologie per la gestione ambientale e forestale
Anno: 2010
Docente/Relatore: Sanzio Baldini
Istituito da: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELLA TUSCIA-Viterbo
Dipartimento: DAF
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

Le utilizzazioni forestali sono uno degli aspetti fondamentali della gestione forestale
sostenibile, in quanto strumento di applicazione indispensabile mediante il lavoro in bosco delle imprese forestali. Il primo anello della filiera bosco-legno è costituito da queste imprese di prima trasformazione che vengono scarsamente monitorate a differenza di altri settori produttivi del Paese.
Le fonti statistiche ufficiali, infatti, concentrano la loro attenzione solo su altri aspetti della gestione forestale e non sulle attività in bosco dei cantieri forestali.
L’obiettivo dello studio, per ogni impresa, è stato quello di monitorare il livello di
meccanizzazione forestale usato ed in particolare le metodologie di lavoro applicate, in quanto, esse vanno ad influenzare direttamente e indirettamente sulla crescita e sulla sostenibilità dei boschi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 PREMESSA E’ certo che, parallelamente allo sviluppo sociale, economico e culturale di un Paese, aumenta la domanda di legno, dei prodotti da esso derivati e dei molteplici benefici degli ecosistemi forestali. Il legno è andato così assumendo, anche nel nostro Paese, una dimensione di tutto rilievo nell’economia nazionale, contemporaneamente si è evidenziato sempre di più il “divario” tra la produzione di materia prima legnosa nazionale - stazionaria su livelli bassi - e l’approvvigionamento dall’estero, che supera il 70-80 % del legno lavorato in Italia. Nel comune linguaggio forestale, si sono diffuse parole come: “filiera forestale”, “filiera foresta-legno”, “filiera bosco-legno”, “sistema foresta-legno” e “filiera bosco-energia”. Esse definiscono meglio le molteplici attività che, direttamente o indirettamente, sono collegate con i boschi mediante: la conservazione, la cura, lo sviluppo, la produzione, l’utilizzazione e la commercializzazione della materia prima legno da essi derivante. La produzione di legname è tra le chiavi fondamentali del comparto forestale, mentre il valore e il mercato dei prodotti ricavati dai processi di trasformazione delle piante in piedi, costituisce la sopravvivenza delle imprese boschive. Queste ultime sono tradizionalmente riconosciute nella filiera bosco – legno come il punto di passaggio fra la proprietà boschiva, le pratiche selvicolturali e l’industria del legno. Il lavoro in bosco delle imprese sta assumendo sempre più un’importanza crescente, per il mutato interesse dell’opinione pubblica in ambito ambientale nella gestione dei patrimoni forestali. L’applicazione di una buona gestione forestale ha ricadute positive, non solo sul territorio in generale, ma costituisce anche un importante riflesso per contrastare un “cronico” abbandono della montagna. La possibilità di incrementare la competitività economica di questo settore, in particolare quello delle utilizzazioni forestali, anello debole della filiera forestale, è data dall’innovazione nei processi di trasformazione delle piante in piedi in assortimenti commerciabili, graditi all’industria. Essa consentirebbe di avere un miglioramento delle operazioni in bosco, attraverso il ricorso a una maggiore professionalità della manodopera boschiva, una più qualificata e appropriata meccanizzazione forestale, che appaiono tra le opzioni più perseguibili nelle disomogenee realtà forestali italiane. I problemi che caratterizzano questo settore risultano quelli comuni anche ad altre attività economiche e, pertanto, dovrebbero essere affrontati con una logica orizzontale, all’interno di politiche generali, mediante degli interventi su fattori fondamentali quali: le imprese, la produttività del lavoro, la ricerca e l’innovazione tecnologica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

meccanizzazione
monitoraggio
sostenibilità
filiera
impresa forestale
utilizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi