Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Influenze di Henri Bergson nella psichiatria di Eugène Minkowski

Il presente lavoro di tesi si propone di offrire un'analisi delle influenze dei concetti fondamentali del filosofo Henri Bergson sul pensiero e sulle teorie psicopatologiche dello psichiatra Eugène Minkowski.

Mostra/Nascondi contenuto.
  1   INTRODUZIONE Il presente lavoro di tesi si propone di offrire un'analisi delle influenze dei concetti fondamentali del filosofo Henri Bergson sul pensiero e sulle teorie psicopatologiche dello psichiatra Eugène Minkowski. Bergson, il filosofo antipositivista, aveva toccato i nodi centrali della crisi del pensiero filosofico e scientifico: la libertà dell'uomo, i rapporti mente e corpo, l'evoluzione della specie, questioni fondamentali a cui la psichiatria ottocentesca aveva risposto con il determinismo e il parallelismo psicofisico. Partendo dalla tesi del cervello non più come organo dal quale origina il pensiero ma bensì solamente di azione e coordinazione motoria, Bergson aveva infatti messo in discussione la pretesa della psichiatria materialista di ricondurre gli stati di coscienza a fatti cerebrali, separando quindi vita fisiologica e mentale. Ad avvicinare a Bergson alcuni psicopatologi francesi, tra i quali Eugène Minkowski, sembrava dunque essere l'estrema necessità di ricostruire una visione dell'uomo diversa da quella positivista, nella quale molti psichiatri ormai non si riconoscevano più. Un'intensa esigenza di rinnovamento, che fece del campo della psichiatria un terreno fecondo alla fruttificazione del pensiero bergsoniano. Autori come Minkowski, appartenenti alle discipline psicologiche, sembravano infatti cogliere il cuore del bergsonismo ancora prima dei suoi interpreti, nel suo profondo intento di definire l'umano come continua possibilità di creare e crearsi: mi è sembrato dunque interessante tentare di comprendere, attraverso questa analisi, come la filosofia possa offrire il suo prezioso apporto nell'incoraggiare quella comprensione più umana dell'individuo, malato e non, che caratterizza alcuni orientamenti della psichiatria moderna, come quello fenomenologico, a cui lo stesso Minkowski apparteneva. Una psichiatria moderna che, a differenza di quella di matrice positivistica, abbia come

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: AnnaMaria Bortoloso Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1140 click dal 01/07/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.