Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Power Quality nella distribuzione della energia elettrica: analisi delle problematiche e proposta di un Compensatore Statico Universale

Una tesi sulla qualità della energia elettrica nei sistemi di distribuzione e sulle apparecchiature elettroniche che permettono di migliorarla. Viene sviluppato un nuovo dispositivo, il Compensatore Statico Universale, che permette all’utente di migliorare globalmente la qualità dell’energia elettrica assorbita e di adeguare gli indici di qualità alle sue esigenze: oltre che filtrare le armoniche di corrente generate dai carichi non lineari, isolare i carichi dalle armoniche presenti nella tensione di rete, controllare il fattore di potenza e compensare la potenza reattiva, il dispositivo è in grado di compensare la tensione fornita dall'ente distributore e di operare come gruppo statico di continuità. Argomenti correlati: Power Quality, Custom Power.

Mostra/Nascondi contenuto.
La Power Quality nella distribuzione della energia elettrica : analisi delle problematiche e proposta di un Compensatore Statico Universale 1 Introduzione Una delle proprietà dell’energia elettrica è che alcune delle sue caratteristiche dipendono non solo dal produttore o dal distributore, ma anche dai costruttori delle apparecchiature elettriche e dagli utenti. Una di queste caratteristiche, la qualità dell’elettricità, è divenuta in questi ultimi dieci anni un obiettivo strategico per le società elettriche, per quelle che operano nel settore dei servizi, per gli stabilimenti industriali e per le aziende che costruiscono apparecchiature elettriche ed elettroniche. Le ragioni di questo interesse possono sintetizzarsi in tre punti fondamentali: ƒ la necessità economica delle imprese di aumentare la loro competitività; ƒ l’ampia diffusione di apparecchiature sensibili ai disturbi di tensione e che generano disturbi esse stesse; ƒ la liberalizzazione del mercato elettrico dell’energia. La necessità economica delle imprese di aumentare la loro competitività: 1. Ridurre i costi legati alla perdita della continuità del servizio ed ai problemi di qualità dell’energia. Il costo dei singoli disturbi che si verificano nella fornitura di energia elettrica (interruzioni, buchi di tensione, armoniche, sovratensioni, etc.) è un parametro determinante per la competitività di una impresa: perdite economiche nel reparto produzione, perdite di materie prime, riavvio delle linee di produzione, perdita di qualità del prodotto e ritardi nella sua distribuzione sono fattori che influenzano considerevolmente il bilancio di una società; il malfunzionamento o il guasto di un’apparecchiatura medica, di un computer, di un sistema di illuminazione o di sicurezza può mettere a rischio delle vite umane (è il caso di ospedali, aeroporti, edifici pubblici o governativi di particolare importanza). Nei costi vanno anche incluse le misure di manutenzione preventiva e programmata, adottate allo scopo di evitare l’insorgere di problemi, che l’utente industriale affida sempre più frequentemente allo stesso costruttore delle sue apparecchiature. 2. Ridurre i costi legati al sovradimensionamento dei componenti installati ed alla bolletta elettrica. Conseguenze ovvie di una scarsa qualità dell’energia sono la riduzione dell’efficienza elettrica, che porta a bollette più care, ed il sovraccarico dell’impianto, che ne causa l’invecchiamento prematuro o ne impone il sovradimensionamento. A causa di questi motivi le imprese hanno un forte interesse nell’ottimizzare le operazioni delle loro apparecchiature e dei loro impianti elettrici. L’ampia diffusione di apparecchiature sensibili ai disturbi di tensione e che generano disturbi esse stesse:

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Massimiliano Tarantino Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3567 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.