Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Per la storia della psichiatria: istituzionalizzazione e dibattito scientifico

Storia della psichiatria e della sua evoluzione nella regione di Reggio Emilia, dove diversi direttori hanno cambiato l'istuzionalizzazione del manicomio attraversando il periodo della Legge Basaglia e quindi vedendo nuovi direttori che sono passati dagli strumenti di contenzione all'ergoterapia che ha reso più liberi e un più alto grado di dignità ai pazienti dei manicomi sino alla loro abolizione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente vuole delineare i più importanti contributi che sono stati apportati alla storia della psichiatria e della psicologia in Italia negli anni 800 primi del 900. Partendo dalle origini del S. Lazzaro utilizzato inizialmente come luogo di accoglienza per i lebbrosi e poi anche per i poveri e i malati vediamo come questo complesso dopo la prima comparsa di un malato di mente intorno al 1534 si trasforma da un semplice luogo di accoglienza a un istituto di ricovero per malati di mente. V ogliamo soffermare la nostra attenzione sulla figura dei medici che si sono succeduti, in questi anni, alla direzione del frenocomio, partendo da Galloni, il quale sotto il governo della famiglia estense e le direttive del duca Francesco IV di Modena, inizia ad apportare le prime modifiche ed innovazioni di ristrutturazione esterna e organizzazione interna nel frenocomio, fra cui, l’abolizione degli strumenti di contenzione e terapia, usati fino ad allora. Tratteremo poi brevemente la figura di Luigi Biagi successore di Galloni con il quale inizia un periodo di decadenza del rigore clinico, dell’efficacia terapeutica e delle condizioni di vita complessive sull’istituto che porterà per motivi di prevenzione a riassumere gli strumenti di contenzione anche quando non ce ne sarà bisogno. Appare invertito anche il rapporto architetto-medico, per cui è il primo a dare direttive per la ristrutturazione del manicomio, al secondo; mentre con Galloni avveniva il contrario. Questo rapporto viene ripreso sulla stessa linea di Galloni, con la direzione di Ignazio Zani grazie al quale, il S. Lazzaro riprenderà un clima più “allegro”ed efficiente. Ci soffermeremo soprattutto agli anni ‘70 quando alla direzione del S. Lazzaro si susseguono prima Carlo Livi e poi Augusto Tamburini, grazie ai quali la psichiatria italiana presenterà dei progressi in campo sperimentale scientifico e la psicologia cercherà di affermarsi come scienza autonoma. Con la ristrutturazione manicomiale e la riorganizzazione scientifica il manicomio non è più solo un luogo di cura e custodia dei malati di mente, ma diventa anche un luogo di osservazione e di 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Laura Nieddu Murru Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3419 click dal 09/10/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.