Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interpretazione autentica nella giurisprudenza costituzionale recente

Le leggi di interpretazione autentica, quali una sorta di buco nero, hanno storicamente attratto (e continuano ad attrarre) con forza verso di sé molteplici questioni e problemi di importanza fondamentale.
Il presente lavoro si propone di studiare il difficile fenomeno dell’esegesi legislativa analizzando la giurisprudenza della Corte costituzionale (sezioni II e III), ma chiaramente partendo dal pensiero della dottrina (sezione I).
Dalle decisioni del giudice delle leggi, come si vedrà, emerge una condotta un po’ accondiscendente nei confronti del legislatore interprete, oltre a una palese discontinuità di pensiero. A ciò si aggiunge la mancanza di una disciplina positiva della potestà legislativa di interpretazione autentica. Siamo, dunque, in presenza di un fenomeno complesso, ma di indubbia rilevanza.
La conclusione di questo studio tenterà di tirare le somme e di prospettare un prevedibile sviluppo del fenomeno oggetto di indagine, partendo da un ragionamento quantitativo – statistico (sezione IV).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA Le leggi di interpretazione autentica, quali una sorta di buco nero, hanno storicamente attratto (e continuano ad attrarre) con forza verso di sé molteplici questioni e problemi di importanza fondamentale. Il presente lavoro si propone di studiare il difficile fenomeno dell’esegesi legislativa analizzando la giurisprudenza della Corte costituzionale (sezioni II e III), ma chiaramente partendo dal pensiero della dottrina (sezione I). Dalle decisioni del giudice delle leggi, come si vedrà, emerge una condotta un po’ accondiscendente nei confronti del legislatore interprete, oltre a una palese discontinuità di pensiero. A ciò si aggiunge la mancanza di una disciplina positiva della potestà legislativa di interpretazione autentica. Siamo, dunque, in presenza di un fenomeno complesso, ma di indubbia rilevanza. La conclusione di questo studio tenterà di tirare le somme e di prospettare un prevedibile sviluppo del fenomeno oggetto di indagine, partendo da un ragionamento quantitativo – statistico (sezione IV). Milano, Luglio 2011

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Montagano Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1326 click dal 11/07/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.