Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo di gestione negli enti locali. Il caso del comune di Selvazzano Dentro.

La tesi tratta del controllo di gestione come meccanismo operativo principe per poter bilanciare efficienza ed efficacia assieme al breve e al lungo periodo. Per questa sua proprietà diviene quindi fondamentale nelle amministrazioni pubbliche anche di media dimensione. Nel primo capitolo verrano indagati i risvolti specifici delle amministrazioni pubbliche e l'importanza che ha il controllo di gestione per le stesse. Nel secondo capitolo verrà approffondito il controllo di gestione in generale, sottolinenado le particolarità che toccano le AP. Nel terzo sarà esposto il caso concreto con delle analisi, report, valutazioni e consigli.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Molta parte del nostro benessere dipende dal buon andamento delle amministrazioni pubbliche; la salute, l’istruzione, la tutela dell’ambiente, le infrastrutture, sono solo alcune delle funzioni che le amministrazioni pubbliche svolgono. E’ agevole quindi comprendere come l’efficacia e l’efficienza nel breve periodo come nel lungo siano decisivi per lo stato di salute dell’intero sistema socio-economico. Tutte le amministrazioni locali anche se di piccole dimensioni svolgono funzioni e producono servizi che hanno un forte impatto sul welfare dei cittadini: dal servizio anagrafe all’ufficio tecnico, dalla raccolta differenziata alla vigilanza urbana, da tutti i servizi legati all’istruzione a quelli legati alla cultura; e anche in questo caso la lista potrebbe allungarsi di molto. Vista la crisi del welfare state avvenuta attorno agli anni ’90, non c’è da stupirsi quindi che l’esigenza più forte che è richiesta in questo periodo all’amministrazione pubblica è quella di costare di meno e funzionare meglio. Migliorare, quindi, l’utilizzo delle risorse per soddisfare al massimo i bisogni dei cittadini. L’ente locale non è equiparabile in senso stretto all’impresa, ma come essa deve ricercare l’allocazione ottima delle risorse per soddisfare nel migliore dei modi i bisogni dei cittadini, che nella situazione attuale aumentano quantitativamente e qualitativamente. In sintesi, i due stimoli di questo periodo sono: l’aumento dei servizi richiesti dai cittadini, sia dal punto di vista della quantità che dal punto di vista della qualità; e la diminuzione delle risorse a disposizione delle amministrazioni pubbliche e la conseguente presa di coscienza che anche gli enti locali hanno a che fare con l’impiego di risorse scarse. Proprio in questo contesto di tensione si inserisce il controllo di gestione, sistema a supporto dell’attività decisionale, che permette di equilibrare l’efficienza, l’efficacia, il breve periodo e il lungo periodo. Il controllo di gestione come meccanismo che permette la razionalizzazione delle decisioni, che incoraggia le innovazioni e le modifiche, e soprattutto permette che

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Diego Girolamo Manolli Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1948 click dal 09/01/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.