Skip to content

L’Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Informazioni tesi

  Autore: Lucia Landi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Angelo Arciero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

Questa tesi ha come soggetto principale la politica estera di De Gasperi, durante gli anni della ricostruzione, dalla sua nomina a ministro degli esteri nel dicembre del 1944, allorquando fu costituito il secondo governo Bonomi, fino al 1954, anni considerati i più difficili e impegnativi del percorso comunitario.
L’obiettivo principale del presente lavoro è stato quello di porre l’attenzione sull’incidenza del contributo dell’Italia all’unità europea e sulla posizione assunta dal nostro Paese all’inizio del processo di europea alla luce del decisivo apporto di De Gasperi.
La forte vocazione europeista dell’Italia ha fatto sì che il nostro Paese si impegnasse immediatamente nel percorso che ha portato la costruzione europea, un percorso che avuto effetti nei rapporti tra gli Stati europei, dando loro la possibilità finalmente di utilizzare quei mezzi utili per superare i conflitti del passato, evitando che si possano verificare ulteriori conflitto.
Il processo di unificazione europea è maturato gradualmente, tra il 1943 e il 1957 anche grazie al Piano Marshall istituito per la ricostruzione dell’Europa e alla necessità di superare la storica contrapposizione franco-tedesca, al fine di recuperare il contributo decisivo della Germania nel contenere la minaccia sovietica e ristabilire l’equilibrio europeo e mondiale.
Certamente il clima internazionale post-bellico, la Guerra fredda, influenzerà l’inizio del processo di integrazione europea. La dottrina Truman e il piano Marshall sono i due pilastri, ideologico l’uno, economico l’altro, sui quali gli americani costruiscono il blocco occidentale. Il terzo pilastro sarà il Patto Atlantico che rappresenterà il sistema difensivo del blocco.
Nelle prime fasi del processo di integrazione europea è certamente importante il contributo italiano nella figura del Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi.
Assieme a Sforza, De Gasperi portò l’Italia ad essere tra i membri del Consiglio d’Europa e il 18 aprile 1951 firmò il Trattato istitutivo della Comunità Europea
del Carbone e dell’Acciaio, facendo del nostro paese uno dei sei Paesi fondatori della CECA.
Va sottolineato, però che già nel periodo della Resistenza e, in alcuni casi addirittura nel primo dopoguerra, si manifesta in Italia un forte interesse per l’europeismo.
Da Luigi Einaudi ad Altiero Spinelli, l’obiettivo strategico era quello di lottare per la federazione europea e per il superamento di ogni nazionalismo.
Con il Piano Schuman e la costituzione della Comunità del Carbone e dell’Acciaio (CECA) nasce l’Europa dei Sei (Francia, Gran Bretagna, Italia, Belgio, Olanda, Lussemburgo) che, istituendo un’Alta Autorità sovranazionale, realizza il primo fondamento concreto di una federazione europea. Sul modello della CECA viene, poi, progettata col Piano Pleven la costituzione di un Esercito Europeo nel quadro di una Comunità Europea di Difesa (CED), ma le preoccupazioni francesi per il riarmo tedesco in un ambito sovranazionale, impediscono l’entrata in vigore del nuovo Trattato, mettendo fine al sogno degasperiano di una Comunità Economica Politica (CEP).
De Gasperi sarà l’ispiratore, oltre che il principale sostenitore, dell’articolo 38 del Trattato CED, in base al quale l’Assemblea, entro sei mesi dalla sua entrata in vigor ECC. ECC.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Questa tesi ha come soggetto principale la politica estera di De Gasperi, durante gli anni della ricostruzione, dalla sua nomina a ministro degli esteri nel dicembre del 1944, allorquando fu costituito il secondo governo Bonomi, fino al 1954, anni considerati i più difficili e impegnativi del percorso comunitario. L‟obiettivo principale del presente lavoro è stato quello di porre l‟attenzione sull‟incidenza del contributo dell‟Italia all‟unità europea e sulla posizione assunta dal nostro Paese all‟inizio del processo di europea alla luce del decisivo apporto di De Gasperi. Dalla lettura di fonti e documenti di diversa natura appare evidente l‟intensa vocazione europeista dell‟Italia: infatti, il nostro Paese, a partire dal secondo dopoguerra, ha sempre sostenuto il processo di integrazione europea, nonostante la sua limitata influenza internazionale. Lo stesso De Gasperi aveva compreso anticipatamente che, grazie all‟affermazione di nuove entità supernazionali, l‟Italia avrebbe acquistato prestigio e sviluppo a livello internazionale. In quegli anni, poiché il nostro Paese usciva sconfitto e umiliato dal secondo conflitto, la volontà di recuperare la posizione internazionale compromessa dal fascismo e dalla sconfitta militare assumeva un ruolo predominante nelle scelte politiche sia a livello interno che internazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi