Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Consenso informato e responsabilità medica

Il tema della responsabilità medica e quello strettamente connesso del consenso informato sono tanto controversi quanto attuali: il legislatore, probabilmente perché negli ultimi tempi non ci sono mai state le condizioni di stabilità politica necessarie per intervenire su temi che coinvolgono valori che attengono alla sfera etica, non li hai mai regolati espressamente, e la giurisprudenza, chiamata a pronunciarsi in questo campo, ha seguito una linea evolutiva che però non è ancora giunta ad approdi definitivi.
Non essendo possibile in questa sede una completa disamina dei profili della responsabilità del sanitario, l’elaborato si focalizzerà sull’istituto del consenso informato, delineandone i contorni e dando conto delle conseguenze, civilistiche e penalistiche, dell’operato del medico in assenza di valido consenso.
Si darà poi conto dei casi-limite che sono stati presi in considerazione dall’esperienza giurisprudenziale recente e che hanno aperto un dibattito, anche etico e politico, sul valore di un consenso prestato “ora per allora”.
Infine, una breve analisi de iure condendo: ha di recente iniziato l’iter parlamentare un controverso d.d.l. sulla materia.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE - LE RAGIONI DEL CONFLITTO TRA SOCIETAʼ E MEDICI, LE TUTELE IN SEDE CIVILE E PENALE null Il tema della responsabilità medica e quello strettamente connesso del consenso informato sono tanto controversi quanto attuali: il legislatore, probabilmente perché negli ultimi tempi non ci sono mai state le condizioni di stabilità politica necessarie per intervenire su temi che coinvolgono valori che attengono alla sfera etica, non li hai mai regolati espressamente, e la giurisprudenza, chiamata a pronunciarsi in questo campo, ha seguito una linea evolutiva che però non è ancora giunta ad approdi definitivi. Le statistiche e lʼesperienza personale degli operatori giuridici rivelano come negli ultimi anni si stia assistendo ad un incremento esponenziale dei casi di responsabilità medica, area di materia in cui si inseriscono i potenziali rimedi azionabili dal paziente che dovesse subire un trattamento sanitario in assenza di valido consenso. Il contenzioso sta aumentando sia in sede civile che penale, tanto da rivelare, secondo alcuni autori, i caratteri di una vera e propria “patologia sociale” 1 . Le cause di questo fenomeno sono molteplici. Innanzitutto, il processo tecnologico ha portato la scienza medica ad un livello talmente avanzato da banalizzare alcune diagnosi e le conseguenti terapie ed interventi chirurgici. Sono aumentate le speranze di vita, le aspettative di guarigione da determinate patologie, ed è cresciuta la quantità di informazioni, di carattere anche specialistico, in possesso dei cittadini-pazienti. Inoltre, anche grazie allʼattività di sensibilizzazione compiuta dalle associazioni, la collettività ha preso più coscienza dei propri diritti, tra cui quello alla salute. Di conseguenza, lʼopinione pubblica è animata da un sentimento di fiduciosa attesa nei confronti della Medicina, che quando viene in qualche modo deluso non esita a trasformarsi in un desiderio di rivalsa sulla struttura ospedaliera 4 1 cfr. FRESA, La colpa professionale in ambito sanitario: responsabilità civile e penale, consenso informato, colpa e nesso causale, casistica e giurisprudenza, UTET Giuridica, 2008, e FIORI, Medicina legale della responsabilità medica, Milano, 1999

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Michele Bazzi Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10253 click dal 11/07/2011.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.