Skip to content

Green microfinance: microcredito come investimento per iniziative sostenibili

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Brugia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia bancaria
  Relatore: Alessandro Giovanni Grasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

Inquadrato nell’ambito degli interventi volti a promuovere lo sviluppo umano, inteso come espansione delle capacità degli individui, il microcredito, da anni adottato nei paesi in via di sviluppo così come in quelli industrializzati, è ampiamente riconosciuto come uno degli strumenti più efficaci per favorire il riscatto sociale di coloro i quali, troppo poveri per fornire garanzie reali, sono sistematicamente esclusi dai circuiti finanziari tradizionali.
Ancora più interessante si dimostra l’esperienza della green micro finance, che intende coniugare sviluppo economico-sociale e difesa dell’ambiente, dimostrando, con i numerosi progetti di finanziamento di impianti fotovoltaici che sono riusciti a portare l’energia elettrica nei villaggi più remoti dei paesi poveri, che è davvero possibile intraprendere una strada alternativa per far quadrare il cerchio tra etica ed economia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “Vasanti è seduta sul pavimento nella sala riunioni della vecchia sede dell’Associazione delle Lavoratrici Autonome (SEWA) 1 . E’ una donna minuscola dalla pelle scura, sulla trentina, indossa un bel sari blu elettrico, e i capelli raccolti a chignon sul capo. E’ rajput, cioè di buona casta indù. Il marito di Vasanti era un alcolizzato, dedito al gioco, che si serviva del denaro della famiglia per ubriacarsi. Quando il marito diventò violento, non potendo più vivere con lui Vasanti ritornò alla famiglia. I fratelli le prestarono denaro per acquistare una macchina per fare le finiture ai sari, ma le dispiaceva dipendere da loro, giacchè erano sposati e avevano figli, ed era possibile che non potessero sostenerla a lungo. Con l’aiuto di SEWA, quindi, per ripagare i fratelli ottenne da sola un prestito bancario, che ormai ha già quasi completamente rimborsato. Ora guadagna 500 rupie al mese, un’entrata dignitosa, ha due libretti di risparmio e desidera vivamente impegnarsi maggiormente nel sindacato della SEWA.” 2 Qualcosa sta cambiando, anche per lei. Già da molti anni si avvertono segnali di cambiamento nella comunità internazionale. E se è vero che ogni cambiamento nasce da una condizione traumatica, neanche questo caso fa eccezione. Sono probabilmente avvisaglie di un disagio diffuso nei confronti di una situazione avvertita come insostenibile. E’ un’insostenibilit{ che si manifesta a vari livelli. Ha a che fare con l’ambiente, con le relazioni internazionali, con i rapporti sociali e, in ultimo, con l’economia. Si tratta, ovviamente, di relazioni strettamente interdipendenti, basti pensare al rapporto intrinseco, che lega l’economia alla societ{. E quando questa percezione di insostenibilit{ coinvolge anche l’economia, cioè il modo in cui si provvede all’allocazione delle risorse, quindi una delle principali attività volte alla riproduzione della societ{, allora c’è davvero motivo d’interrogarsi. Ci si è spinti troppo oltre? Dove ci sta portando la logica del profitto? E’ giusto lasciare le istituzioni economiche e finanziarie operare liberamente seguendo le 1 Per approfondimenti si rimanda al sito: http://www.sewa.org/ 2 Estratto da “Diventare persone”, Nussbaum, M., Il Mulino, 2001.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etica
sostenibilità
microcredito
finanza etica
microfinanza
grameen bank
fondi etici
bangladesh
green economy
muhammad yunus
economia verde
green microfinance
amartha sen
relazione di credito sovrapposta
solar home systems
grameen shakti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi