Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vino e consumatore. Una ricerca empirica con strumenti qualitativi

La tesi verte principalmente sull'uso della ricerca qualitativa nello studio del comportamento del consumatore.
La prima parte del lavoro è una panoramica sulla ricerca di marketing ed il suo ruolo all'interno del sistema aziendale.
La seconda parte passa ad un esame dei metodi di ricerca con un focus sui metodi qualitativi.
Nella terza parte viene introdotto il prodotto sul quale si orienta il resto della tesi: il Vino. Segue una raccolta e un'analisi della letteratura disponibile legata al comportamento del consumatore.
La quarta e ultima parte consiste nella descrizione e analisi di studi concreti, effettuati con metodi qualitativi, su gruppi di potenziali consumatori aventi come fine lo studio delle conoscenze e dei significati posseduti dai consumatori stessi in relazione a questo particolare tipo di prodotto.

Mostra/Nascondi contenuto.
Preview. Introduzione. Il presente lavoro verte principalmente sul rapporto tra il consumatore e il vino. L’argomento è attuale vista la situazione che caratterizza la bevanda in questione. Sembra infatti, che il vino si trovi nel bel mezzo di un cambiamento radicale che ne sconvolgerà i modelli di consumo da qui a qualche decennio. La questione ruota attorno al mutamento delle abitudini alimentari in atto, che stanno assegnando a questo prodotto un ruolo meno centrale rispetto a quello che occupava, e che continua ad occupare, presso le generazioni mature. Come nel corso del lavoro avremo modo di spiegare, gli approcci principali allo studio sul comportamento del consumatore risultano essere tre: l’approccio cognitivo, l’approccio comportamentale e l’approccio esperienziale. I primi due approcci costituiscono il nucleo storico della materia e sono anche detti approcci tradizionali. La base teorica usata in questa sede è riconducibile al filone esperienziale che risulta essere quello di più recente nascita e con più affascinanti ipotesi di sviluppo per il futuro. Esso si fonda sull’analisi del consumo focalizzandosi sulle risposte emotive ad esso legate. Proprio per questo è particolarmente adatto per l’analisi di attività connesse al tempo libero, agli hobby e ai piaceri personali. Successiva a questo passo è venuta la scelta concernente il metodo da impiegare. La decisione è risultata facile e ha riguardato la metodologia

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Chioni Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10955 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.