Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Infrasottile: catturare il cambiamento

L'opera di Marcel Duchamp analizzata dal punto di vista dell'infrasottile.
Infrasottile come emozione del cambiamento della visione di arte.
Infrasottile come confine sottile tra emozione della vita e emozione dell'arte.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. COS'È L'INFRASOTTILE La parola 4. il calore di una sedia (nel momento che è lasciata) è infra mince. 5. inframince (aggettivo) e non nome. Mai renderlo sostantivo. 9v. pantaloni di velluto - loro rumore (mentre si cammina) per lo strofinio delle 2 gambe è una separazione infra mince segnalata dal suono. 11. trasparenza dell’infra-sottile [...] 33. Quando il fumo di tabacco ha anche l'odore della bocca che lo esala, i 2 odori si sposano per infra mince (infra mince olfattivo). 1 Il termine “inframince” (infrasottile) compare per la prima volta in queste Note che Duchamp scrive tra il 1935 e il 1940, mentre lavora alla Scatola in valigia, che racchiude in una valigetta le riproduzioni in scala ridotta di tutte le sue opere. Questa parola, mai apparsa prima d'ora nel suo vocabolario, ha del misterioso. Lui stesso sembra non darne una definizione chiara; eppure la riflessione aperta da questo termine è importante. Partendo dalle indicazioni date in queste Note, l'infrasottile ci viene presentato come un aggettivo. Già linguisticamente perciò è qualcosa di sfuggente, qualcosa di non delineato e delineabile con la concretezza e la chiarezza di un sostantivo. Il termine è infatti associato, anche in queste poche note, a esperienze differenti, connesse sensorialmente alla percezione di alcune sensazioni: calore, rumore, odore... Sicuramente si possiede nella memoria un'esperienza delle situazioni descritte in queste poche righe, anche se sono fatti su cui raramente ci si sofferma col pensiero. 1 Marcel Duchamp, Notes, a cura di Paul Matisse, Flammarion, Paris 1999.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Marzia Rota Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1813 click dal 22/05/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.