Skip to content

Il Forte Malatesta ad Ascoli Piceno: analisi strutturale e documentaria finalizzata ad una proposta di rifunzionalizzazione di tipo museale.

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Cenedese
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Vittorio Franchetti Pardo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

L’area del Forte Malatesta è una delle più antiche e dense di storia della città di Ascoli Piceno.
In epoca romana doveva trattarsi sicuramente di un luogo molto suggestivo. Vi si poteva ammirare una splendida aula termale di impianto dodecagonale, vicina alla porta, in prossimità dell’imponente Ponte di Cecco. In seguito, l’intero complesso subì consistenti trasformazioni. Già nel periodo longobardo subì forse un parziale riadattamento. Nel Medioevo poi la rocca, fatta costruire da Galeotto Malatesta, deve essere stata una delle più belle e delle più avanzate nella tecnica della difesa militare, in grado di non sfigurare nel confronto con quelle di San Leo e di Gradara. Nei primi decenni del Cinquecento, la parte della rocca malatestiana che insisteva sugli antichi resti della aula termale romana, fu riutilizzata per la realizzazione di una splendida chiesa di impianto dodecagonale ad aula unica, la quale, proprio per la presenza di acque termali, fu nominata Santa Maria del Lago.
La stessa chiesa, dopo meno di un trentennio, fu sconsacrata da Antonio da Sangallo il Giovane, il più noto e attivo ingegnere militare del Rinascimento, il quale la utilizzò come mastio e costruì due puntoni angolati, singolari e acutissimi, allo scopo di aggiornare l’antica rocca, ormai in rovina, alle nuove esigenze dell’architettura militare. La rocca mantenne questo aspetto a lungo, subendo nel corso del periodo successivo, fino all’Ottocento, variazioni poco consistenti.
La radicale trasformazione ottocentesca, se da un lato pone le condizioni per una circolazione più agevole all’interno del complesso, dall’altro non porta allo sviluppo completo di queste premesse. Questo accade perché il fine insito nella destinazione d’uso allora prevista, quella carceraria, non era quello di garantire un’agevole circolazione ma bensì esattamente l’opposto e cioè creare per ogni ambiente un solo accesso di dimensioni limitate, non permettendone mai, se possibile, l’attraversamento: ISOLARE PIU’ CHE COLLEGARE, quindi. Oggi invece che l’ipotesi di destinazione d’uso museale sembra ormai certa, la questione dell’assetto distributivo assume una rilevanza fondamentale e l’imperativo insito nella nuova destinazione si può così riassumere: COLLEGARE, NON ISOLARE. Gli interventi previsti nel progetto di rifunzionalizzazione si pongono così l’obiettivo di portare a piena maturazione le premesse insite nell’intervento ottocentesco, pur mantenendo nei confronti di quest’ultimo un giudizio per molti versi negativo.
Gli interventi previsti nel progetto di rifunzionalizzazione riescono a rendere agibili ai disabili su sedia a ruote la quasi totalità degli ambienti in cui si può suddividere, creando oltretutto un sistema di vie di fuga antincendio che non lede l’integrità figurativa del monumento, ma che anzi la valorizza. Si è inoltre cercato di individuare, fra le varie funzioni museali, quelle che meglio si adattavano alle caratteristiche di ogni singolo ambiente.
Sono state così determinati quattro gruppi di funzioni museali:
1. Museo di se stesso
Esposizione permanente riguardante la storia dell’edificio.
2. Lapidarium
Esposizione permanente di epigrafi e iscrizioni funerarie che raccontano la storia della città.
3. Tesoro dei Longobardi
Esposizione permanente della collezione derivante dagli scavi della Necropoli di Castel Trosino
4. Attività museali
Laboratori di restauro, laboratori informatici, uffici, sale convegni, sale per mostre temporanee, book shop, punti di sosta e di ristoro, necessari per rendere il museo un sistema attivo, vitale e piacevolmente fruibile.
Il progetto, che è improntato alla ricerca di un punto di equilibrio fra i valori storici e artistici del monumento e la volontà, fortemente espressa dalla comunità contemporanea, di giungere al più presto ad un suo completo riutilizzo, ha riscosso il consenso entusiastico della Facoltà di Architettura di Roma, ottenendo da parte della Commissione di Laurea la votazione massima possibile (110 e lode) e una richiesta ufficiale di pubblicazione da parte del Dipartimento di Storia dell’Architettura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 DALLE ORIGINI AL PROGETTO Considerazioni storico-critiche Premessa Fin dalle origini Ascoli poteva considerarsi validamente difesa dalla sua stessa posizione naturale, in quanto posta su un promontorio naturale formato da rocce tufacee e dirupi scoscesi e circondato inoltre da due fiumi: il Tronto ed il Castellano. Alle fortificazioni naturali si aggiunsero nei vari periodi quelle costruite dall'uomo. Nel periodo medioevale assieme alla cinta muraria vera e propria il perno del sistema difensivo di un centro cittadino era costituito da luoghi strategici chiamati casseri e a volte rocche (roche). Esse avevano molteplici funzioni. Erano, infatti, punti di difesa contro forze nemiche, simboli di potere, ed, infine, ma non secondariamente, rifugio sicuro del signore del momento. Lungo le mura di Ascoli vi erano quattro luoghi fortificati. Uno posto a nord, sopra il Tronto, come ricorda il toponimo dell'attuale chiesa di s. Pietro in Castello; un altro a ponente nei pressi di porta Romana; il terzo, noto col nome di Fortezza Pia, sul colle pelasgico, il punto più alto della città e l'ultimo nei pressi del ponte di Cecco sul fiume Castellano. I primi due dovevano probabilmente già essere scomparsi nel 1400 mentre il terzo subì radicali rifacimenti e, a partire dal 1560, divenne la piazzaforte più importante della città; fu poi distrutta nel 1799 e se ne possono vedere oggi solo i ruderi. Il quarto luogo fortificato, oggetto della nostra ricerca, attualmente denominato Forte Malatesta, riveste un particolare interesse nell'ambito dell'architettura militare per le radicali modifiche subite nel 1540 ad opera di Antonio da Sangallo il giovane.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

museo
restauro
ascoli piceno
riuso
rifunzionalizzazione
architettura militare
antonio da sangallo il giovane
forte malatesta
architettura malatestiana
giovanni carbonara
vittorio franchetti pardo
museo dell'altomedioevo
bastioni del sangallo
architettura del sangallo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi