Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La NATO verso un nuovo "concetto strategico'"? La questione afghana: missione ISAF

L'argomento di tesi da me scelto per la relazione finale descrive i nuovi cambiamenti geopolitici negli anni post 11/09 e negli ultimi anni.
Il primo capitolo analizza quello che fu la guerra del passato, facendone un excursus storico, visto attraverso gli occhi dei più grandi strateghi e generali del passato e del presente, per arrivare al confronto obbligato con le guerre del presente, che in alcuni aspetti non hanno molto di diverso con le guerre del presente, se non portare alla ribalta vecchi nemici

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO L’INTERVENTO NATO IN AFGHANISTAN 1.1 L’arte della guerra: dai protagonisti del passato ai cyberwarriors, del futuro, la guerra asimmetrica. L‟arte della guerra è sempre stata nel corso dei secoli, argomento d‟interesse non solo per gli addetti ai lavori, ma anche per quegli studiosi che non fanno parte del mondo militare e che applicano i concetti e le dottrine strategiche in altri campi, come ad esempio in economia. Tuttavia, trattando l‟argomento, filosofi, storici, politici e militari hanno sempre cercato di affrontare la complessità della guerra e di semplificarla per renderla comprensibile e governabile. La via normalmente seguita per raggiungere questo obiettivo è stata quella di consolidare i risultati delle loro riflessioni in una serie di massime e aforismi, che occorrerebbe seguire per l‟elaborazione delle decisioni strategiche. Da Oriente ad Occidente il panorama degli studi strategici è costellato di studi, teorie e approcci alla strategia e al suo uso sul campo. Da Sun-tzu 1 a Machiavelli 2 , da Napoleone 3 a Carl von Clausewitz, fino ad arrivare agli strateghi del XXI secolo, la guerra è stata affrontata in tutta la sua complessità e le sue trasformazioni, tanto da elaborare nuove decisioni strategiche per nuovi scenari di guerra. La guerra 4 (dal tedesco antico gwarra, che significa mischia) è un fenomeno multiforme che ha assunto connotazioni differenti in tempi e contesti storici diversi, a seconda delle 1 Stratega del IV secolo a.C. (722-481), vissuto nel periodo delle primavere e degli autunni. Considerato il più grande esponente del pensiero militare cinese, 2 Niccolò Machiavelli, scrittore, politico, letterato e storico (1469-1527), ebbe un ruolo importante nella rinascita del pensiero strategico del Rinascimento. Fra le sue opere più importanti “Il Principe” e “Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio”, “Dell‟arte della Guerra”. 3 Napoleone Bonaparte, imperatore francese, generale. Definito da Carl von Clausewitz « il rappresentante in terra del Dio della guerra». R. G. Grant, Commanders, History’s Greatest Military Leaders, Dk publishing, New York, 2010 First American Edition, 194-206. 4 C. JEAN, Manuale di Studi Strategici, Centro Studi di Geopolitica Economica-CSGE, Roma, anno, pp. 65-79. B. C Liddell Hart, Strategy, the classic book on military strategy, Meridian books, London, 1991 pp 94- 122.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Paola Carboni Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 809 click dal 11/07/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.