Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le scelte di investimento e la gestione di portafoglio

Nel mondo reale, caratterizzato dall’esistenza di incertezza in merito agli eventi futuri, gli individui possono allocare il loro risparmio tra diverse opportunità d’investimento. Nei vari momenti devono risolvere due tipi di problemi: "quanta parte della ricchezza a loro disposizione ripartire tra consumo e risparmio, e come investire la porzione destinata al risparmio".
Nella teoria neoclassica, le scelte di allocazione di risorse scarse tra diversi beni vengono analizzate riducendo tali diversi beni ad una medesima unità di misura: l’utilità prodotta, espressa come l’intensità della soddisfazione arrecata dalla loro disponibilità.
Nella scelta di un investimento variabili determinanti sono il rischio ed il rendimento. Il merito di aver introdotto il concetto di trade-off tra le due variabili spetta a Markowitz, che negli anni cinquanta elaborò una prima formulazione della Moderna teoria di Portafoglio, successivamente ripresa e sviluppata da altri studiosi, tra cui Tobin ed Hicks. La Teoria di Portafoglio costituisce, attualmente, uno dei campi di maggior rilievo presso gli studiosi di discipline finanziarie.
Supponendo di operare in un mercato perfettamente concorrenziale, di poter prendere fondi ad un tasso privo di rischio, e di poter detenere attività rischiose anche allo scoperto, il problema delle scelte di portafoglio si riduce, essenzialmente, ad un problema di massimizzazione vincolata della funzione di preferenza dell’investitore, sotto il vincolo, dicevamo, che la somma degli investimenti in titoli, rischiosi o meno, sia uguale alla disponibilità di fondi. È possibile, quindi, costruire per ogni soggetto un portafoglio, di attività finanziarie, ben diversificato e rispondente alle esigenze dell’individuo che intende allocare il proprio risparmio in tali attività.
La decisione di allocare le risorse di nuova formazione, associata al controllo ed al riposizionamento della ricchezza nel tempo accumulata, costituisce un bisogno primario della collettività. Gli investitori si accostano ai mercati azionari con obiettivi diversi, che riflettono principalmente l’orizzonte temporale, al quale guardano per valutare i risultati dell’investimento, e la loro propensione al rischio. Queste esigenze vengono soddisfatte mediante la gestione del risparmio, esercitabile direttamente dall’interessato, qualora sussistano le necessarie condizioni, quali le competenze professionali, un adeguato supporto informativo, ecc; in alternativa il risparmiatore può acquistare servizi di gestione da società specializzate.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 ,1752’8=,21( Nel mondo reale, caratterizzato dall’esistenza di incertezza in merito agli eventi futuri, gli individui possono allocare il loro risparmio tra diverse opportunità d’investimento. Nei vari momenti, quindi, devono risolvere due tipi di problemi: << quanta parte della ricchezza a loro disposizione ripartire tra consumo e risparmio, e come investire la porzione destinata al risparmio >>. Nella teoria neoclassica, le scelte di allocazione di risorse scarse tra diversi beni vengono analizzate riducendo tali diversi beni ad una medesima unità di misura: l’utilità prodotta, espressa come l’intensità della soddisfazione arrecata dalla loro disponibilità. Viene così introdotto il modello dell’utilità attesa, che generalizza il modello di massimizzazione dell’utilità, noto dai corsi di microeconomia, per tener conto del fattore rischio. Nella scelta di un investimento le variabili determinanti, da conoscere ed analizzare, sono sicuramente il rischio ed il rendimento. Il merito di aver introdotto il concetto di trade-off tra le due variabili spetta a Markowitz, che negli anni cinquanta elaborò una prima formulazione della 0RGHUQD 7HRULD GL 3RUWDIRJOLR, successivamente ripresa e sviluppata da altri studiosi, tra cui Tobin ed Hicks. La Teoria di Portafoglio costituisce, attualmente, uno dei campi di maggior rilievo presso gli studiosi di discipline finanziarie. Se tutti gli operatori finanziari conoscessero, senza incertezze, i loro fabbisogni finanziari correnti e futuri, e avessero la possibilità di acquisire attività finanziarie con scadenze esattamente corrispondenti, il problema delle scelte di portafoglio non si porrebbe neanche. In tale

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Federica Di Donato Contatta »

Composta da 272 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3007 click dal 13/07/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.