Skip to content

L’organizzazione e il coordinamento della politica monetaria e fiscale nell’Unione Europea.

Informazioni tesi

  Autore: Raffaele De Gennaro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Carlo Panico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

La tesi verte sul tema delle politiche monetarie e fiscali nell’Unione Europea.
Si tratta di un argomento di scottante attualità in quanto proprio attraverso tali politiche i Paesi europei e l’Unione nel suo insieme affrontano le sfide del contrasto alla crisi economica, della lotta contro l’inflazione, del raggiungimento degli obiettivi di crescita dell’economia.
Il tema è stato oggetto di ampia regolamentazione da parte dei Trattati e degli organi dell’Unione, e di vivi dibattiti in letteratura sull’adeguatezza o meno di tale regolamentazione.
Nel dibattito sulla capacità o meno dell’attuale assetto di raggiungere gli obiettivi prefissati dai Trattati gran parte degli autori convengono sull’ipotesi negativa, e quindi sulla necessità di apportare modifiche alla sua impostazione prociclica per poter sfruttare i potenziali di crescita dell’economia.
Se da una parte vi è sostanziale convergenza di opinioni sulla scarsa efficacia delle politiche regolamentate dal Trattato di Maastricht, anche dopo la riforma del 2005, la letteratura si divide tra quanti ravvisano l’opportunità di riformare solo le procedure e quanti cambierebbero finanche gli aspetti istituzionali, con ulteriori distinzioni all’interno di queste correnti di pensiero.
La tesi si propone principalmente di comprendere come sono organizzate le politiche monetarie e fiscali attraverso un’accurata descrizione delle modalità di definizione e attuazione di tali politiche e, attraverso le posizioni degli autori che le hanno messe in discussione, individuare carenze e debolezze dell’assetto istituzionale che incidono negativamente sull’economia.
L’argomento viene affrontato sia da un punto di vista tecnico attraverso l’analisi degli strumenti concreti di cui si serve l’Unione per la realizzazione di tali politiche, sia da un punto di vista politico attraverso lo studio delle motivazioni alla base dell’attuale configurazione del sistema; non mancano riferimenti statistici, grafici e analitici a supporto delle valutazioni espresse.
È posta inoltre particolare attenzione alle misure di politica monetaria e fiscale adottate nel contrasto alla crisi economica, da una prospettiva descrittiva ma allo stesso tempo critica e valutativa.
In particolare nel Capitolo 1 si riassumono le tappe del percorso dell’integrazione europea in ambito monetario e fiscale, passando poi a descrivere gli istituti che regolano il funzionamento della politica monetaria e gli organi che la pongono in essere, con particolare riferimento alla Banca Centrale Europea.
Il Capitolo 2 contiene un approfondimento sugli strumenti di cui la Banca Centrale Europea si avvale nell’esercizio delle sue funzioni, prendendo in considerazione anche la posizione delle istituzioni finanziarie nei rapporti con quest’ultima; la descrizione trova i suoi necessari fondamenti di attendibilità nei documenti ufficiali della BCE e della Banca d’Italia.
Il Capitolo 3 esprime un bilancio sull’operato della Banca Centrale, con particolare attenzione alla sua azione di contrasto alla crisi economica e ai risultati conseguiti; si sottolinea inoltre la necessità del collegamento tra la politica fiscale e monetaria.
Il Capitolo 4 affronta il tema della politica fiscale, partendo da un’analisi degli istituti che la regolano, e considera gli aspetti del bilancio e delle risorse dell’Unione; ci si sofferma inoltre sul Patto di Stabilità e sulle motivazioni alla base dei criteri di convergenza; seguono valutazioni critiche e proposte di riforma dell’attuale sistema da parte di vari autori.
Nel Capitolo 5 viene discusso il progetto di Costituzione Europea negli aspetti concernenti la politica fiscale, e il ruolo del tributo nell’Unione; si intravedono infine le prospettive per un’integrazione progressiva degli ordinamenti tributari nazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La tesi verte sul tema delle politiche monetarie e fiscali nell’Unione Europea. Si tratta di un argomento di scottante attualità in quanto proprio attraverso tali politiche i Paesi europei e l’Unione nel suo insieme affrontano le sfide del contrasto alla crisi economica, della lotta contro l’inflazione, del raggiungimento degli obiettivi di crescita dell’economia. Il tema è stato oggetto di ampia regolamentazione da parte dei Trattati e degli organi dell’Unione, e di vivi dibattiti in letteratura sull’adeguatezza o meno di tale regolamentazione. Nel dibattito sulla capacità o meno dell’attuale assetto di raggiungere gli obiettivi prefissati dai Trattati gran parte degli autori convengono sull’ipotesi negativa, e quindi sulla necessità di apportare modifiche alla sua impostazione prociclica per poter sfruttare i potenziali di crescita dell’economia. Se da una parte vi è sostanziale convergenza di opinioni sulla scarsa efficacia delle politiche regolamentate dal Trattato di Maastricht, anche dopo la riforma del 2005, la letteratura si divide tra quanti ravvisano l’opportunità di riformare solo le procedure e quanti cambierebbero finanche gli aspetti istituzionali, con ulteriori distinzioni all’interno di queste correnti di pensiero.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione monetaria europea
maastricht
banca centrale
politica monetaria
debito pubblico
patto di stabilità
bce
deficit
uem
eurosistema
operazioni di mercato aperto
politica fiscale
bond
ecofin
stabilità finanziaria
tributi europei
bilancio comunitario
mercati overnight

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi