Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'idea di Europa nel pensiero filosofico di Massimo Cacciari

Dal "negative Denken", fino alla sua crisi, dagli interrogativi di stampo esistenzialista, fino a quello di carattere ontologico-religioso, Cacciari giunge ad interrogarsi sul problema del primo "cominciamento" filosofico, che scuote ogni impianto destinato all'inerzia e ricorsa il "compito del pensare" in cui si insinua anche il pensiero del divino. Da qui, la sua indagine postula interrogativi mistici sul destino dell'anima, intercalati dalle posizioni rispettivamente assunte sull'argomento dalla filosofia e dalla teologia, che collega in un intreccio inscindibile, ciò che è Ultimo, all'Inizio. Qui, il "fare filosofia" infatti è l'attingere ad un Inizio che non sia manifesto e che si ricollega al problema della determinazione della libertà. La sua ossessione per il linguaggio, quella volontà di "fissare ciò che non si può dire", struttura l'indagine sul pensiero viennese, in cui Cacciari respira una conflittualità che chiede conciliazione ed innesca un percorso speculativo che indaga sul "problema dei fondamenti", mentre, sullo scenario di decadenza dei presupposti della legge e dello sradicamento di ogni éthos, egli pone -analizzando le posizioni assunte da Schmitt, Rosenzwweig e Kafka - nell'orizzonte del suo estenuante interrogarsi, la prognosi di una sorte minacciosa che incombe nel mondo in cui viviamo.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Non è stato facile da parte di chi ha cercato di definire la posizione assunta da Massimo Cacciari in ambito filosofico, qualificare un autore restio, almeno nelle sue opere, a lasciar intendere al riguardo un qualche principio chiarificatore. Indubbiamente, oggi, l‟immagine del nostro rimanda a quella di un intellettuale spesso scomodo per l‟impavido argomentare, segno di una intelligenza indipendente che si confronta a più livelli e che sorprende, per l‟afflato arguto e innovativo con il quale affronta, e molto spesso mina, gli impianti filosoficamente più saldi della nostra tradizione filosofica e non solo. La dimensione di un acuto ascolto polifonico, si riverbera nelle tematiche più disparate fino al dibattito attualmente politico. Cacciari è annoverato tra i filosofi collocabili all‟interno delle linee teoriche del

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emanuela Mangione Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1296 click dal 19/07/2011.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.