Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli atti dell'Autorità Garante della concorrenza e del mercato e la tutela giurisdizionale

L'Autorità Garante della concorrenza e del mercato si colloca nel panorama delle amministrazioni indipendenti (es. Consob e Isvap), che sono classificate in vario modo dalla dottrina. Alcuni le considerano comprese nell'ambito dell'amministrazione tradizionale, altri invece tendono a qualificarle come soggetti a carattere paragiurisdizionale. A questo proposito si pone il problema della qualificazione degli atti emanati da questi enti e della loro impugnazione. In particolare per quanto riguarda l'Antitrust, dopo averne analizzato la natura e i tratti caratteristici, occorre vedere gli atti che può adottare. Dopo di che ci si può interrogare sulla natura di tali atti e del dettato dell'art. 33 della L.287/90 che ne tratta l'impugnabilità. Tale articolo può essere idealmente suddiviso in due parti: la prima, cioè il I° comma, tratta della competenza esclusiva assegnata al TAR del Lazio; la seconda, cioè il II° comma, della competenza della Corte d'Appello.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’obiettivo del presente studio è la descrizione e l’analisi di alcuni aspetti qualificanti la problematica connessa agli atti dell’Autorità Garante della concorrenza e del mercato e alla tutela giurisdizionale prevista per tali atti. Appare opportuno riassumere preliminarmente i caratteri peculiari dell’Autorità Antitrust, ai sensi dell’art. 10 della L. 287/90, soprattutto alla luce del suo inquadramento nella categoria delle cd “autorità amministrative indipendenti”, con particolare attenzione ai requisiti di indipendenza e di neutralità che caratterizzano tali organismi e al dibattito sorto in dottrina in relazione alla loro conformità al dettato costituzionale. In particolare si vuole chiarire la natura dell’Autorità Garante, che appare diversificarsi nettamente dall’amministrazione e assumere quei connotati propri degli organi giurisdizionali. Inoltre, essendo la legge antitrust italiana derivata dalla disciplina comunitaria in materia, sembra d’obbligo soffermarsi ad indagare i rapporti intercorrenti tra l’Autorità Garante e la Commissione europea, osservando in particolare come opera il principio di

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Valeria Russo Contatta »

Composta da 310 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6729 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.