Skip to content

La cartolarizzazione dei crediti - Modalità di strutturazione, Opportunità e Rischi

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Bulfoni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: emanuele filiberto Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

Trattasi di un'analisi di dettaglio riguardante una delle principali fonti di funding utilizzata da molti istituti di credito italiani e stranieri.
L'elaborato presenta sia un approccio teorico sia un caso pratico, vissuto in prima persona nell'azienda in cui tuttora mi trovo impegnato nella gestione / coordinamento delle operazioni di cartolarizzazione (i) ad oggi esistenti e (ii) di prossima realizzazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Università degli Studi di Udine Facoltà di Economia pag. 5 di 161 1. Introduzione 1.1. Articoli introduttivi 1.1.1. Estratto dall’ articolo “Cartolarizzazione e Credit Crunch” -Fonte: Mercato Libero News - Pubblicato il 22 febbraio 2008 “”E’ ormai accettato da tutto il mondo con un minimo di ragionevolezza e buona fede (una dimensione che esclude Krugman, Stiglitz e Greenspan) che il boom creditizio è stato causato dall’aumento d’offerta monetaria operato dalla Federal Reserve lungo gli ultimi due decenni. Ricordiamo che un’offerta monetaria lasca (bassi tassi d’interesse = cheap money) incoraggia la domanda di credito di coloro che altrimenti non se lo sarebbero potuti permettere (i clienti sub-marginali). Questi per definizione sono i piø rischiosi, perchØ quelli a piø alto rischio di insolvenze. Ma ipotizziamo per un attimo che l’offerta monetaria fosse rimasta costante. L’avvento di strumenti finanziari avanzati (la cosiddetta structured- finance) ha portato strumenti per la gestione e il controllo del rischio quali ad esempio le cartolarizzazioni (nella forma di mortgage-backed securities –MBSs-, collateralized debt obligations –CDOs-, structured investment vehicles –SIVs, ABS, asset backed securities ). Questi strumenti per definizione consentono di allargare la base dei crediti concessi perchØ appunto il rischio viene gestito piø efficacemente. L’articolo sostiene che l’introduzione delle cartolarizzazioni allarga la base oltre il limite dei clienti marginali (quelli che che costituiscono la soglia di rischio di insolvenza). Qui sta il “granchione”: si tratta di una congettura tutta loro il fatto che questo limite viene varcato. Chi compra credito cartolarizzato, deve essere cosciente di ciò che compra, esattamente come l’acquirente di un’auto di seconda mano. L’acquirente di titoli cartolarizzati è tipicamente un investitore istituzionale. …Tale acquirente avrebbe dovuto valutare con maggiore oculatezza l’acquisto tenendo conto dei vari indicatori di rischio. Se le informazioni relative al rischio sono ambigue o assenti (badate che qui sta il dibattito sulle cartolarizzazioni) è chiaro che l’acquisto diventa piø rischioso, e quindi sconsigliabile. Ma ciò non rappresenta una giustificazione. Ma chiediamoci come sarebbe possibile dare maggiore trasparenza. L’idea sarebbe quella di avere un’informazione tracciata fra un portafoglio di prestiti originali (fonte di un flusso di entrate future soggette ad un determinato grado di rischio) e lo strumento finanziario che gli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cartolarizzazione
securitisation
swap
rating
asset
spread
special purpose vehicle
subprime
credit enhancement
funding
tranching
legge 130 del 30/04/1999
basis point

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi