Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Etica 2.0 - Aspetti Storici, Filosofici e Giuridici della Computer Ethics

La tesi analizza la disciplina nota come "computer ethics", una branca dell'etica applicata sviluppatasi negli Stati Uniti a partire dagli anni '70 la quale analizza l'impatto delle ICT sulla società. La parte introduttiva è dedicata alla storia delle tecnologie informatiche; la parte centrale concerne l'analisi delle posizioni adottate dai diversi autori (Wiener, Parker, Weizenbaum, Maner, Johnson, Moor, Bynum, Tavani, Gotterbarn, Adam, Gorniak, Floridi); l'ultima analizza i rapporti tra "computer ethics", informatica giuridica e diritto.

Mostra/Nascondi contenuto.
P P P P P P P P R R R R R R R R E E E E E E E E F F F F F F F F A A A A A A A A Z Z Z Z Z Z Z Z I I I I I I I I O O O O O O O O N N N N N N N N E E E E E E E E P Pe er rc ch hé é l la a c co om mp pu ut te er r e et th hi ic cs s? ? « La scienza non può stabilire dei fini e tanto meno inculcarli negli esseri umani; la scienza, al più, può fornire i mezzi con i quali raggiungere certi fini. Ma i fini stessi sono concepiti da persone con alti ideali etici » [Albert Einstein, 1950] Nelle aule di diritto può capitare di udire una frase molto suggestiva, ed il più delle volte ri- spondente al vero: “Si potrebbe ricostruire il livello culturale di una civiltà perduta anche solo stu- diandone i codici civile e penale”. Ma è davvero così? Immaginiamo che nell’anno 3011 un an- tropologo del diritto rinvenga il nostro corpus legislativo: che genere di società sarebbe in grado di figurarsi? Riuscirebbe forse ad immaginare una civiltà in cui la rivoluzione del Web 2.0 sta ripla- smando lo stile di vita dei suoi componenti? In cui a molte notizie di cronaca si accompagnano inevitabilmente le parole “Facebook” o “YouTube”? In cui il commercio elettronico è ormai una realtà assodata che rende possibile compravendere su eBay o su un qualunque altro sito di e- commerce mediante l’espressione di un “consenso” sotto forma di click del mouse? In cui docu- menti, canzoni, libri, film e altre opere dell’ingegno si possono agevolmente e integralmente dupli- care in pochi secondi e portare con sè in unità di memoria lunghe qualche centimetro? In cui nuovi partiti nascono e si organizzano su blog e rivoluzioni democratiche in grado di sradicare re- gimi decennali sono coordinate e raccontate via Twitter? Gli esempi potrebbero continuare a lun- go e ve ne sarebbero certamente di più significativi di quelli citati, ma il dato comune sembra esse- re la difficoltà incontrata dal nostro ordinamento nel tenere il passo di quella che – non a torto – è stata definita la rivoluzione digitale. Se è vero che il diritto è noto per la sua proverbiale flemma nel recepire e disciplinare le più recenti istanze economiche e sociali (leit-motiv che si ripete immu- tato dai tempi dalla dicotomia ius civile / ius honorarium fino al “leasing” dei giorni nostri) sareb- be invero riduttivo circoscrivere il problema ad una semplice lentezza fisiologica. La disarmonia tra soluzioni normative e tecnologie digitali è determinata innanzitutto dal ritmo vertiginoso con cui queste ultime progrediscono: dati empirici confermano le previsioni sul progresso tecnologico enunciate nella “Legge di Moore”, secondo la quale il numero di transistor presenti su un singolo circuito integrato raddoppia ogni due anni; e anche l’utente medio, molto più prosaicamente, si accorge che prodotti digitali acquistati solo qualche anno prima diventano rapidamente obsoleti. In secondo luogo, spesso il Legislatore tende a sottovalutare la portata innovatrice delle nuove tecnologie, e le soluzioni che elabora tendono ad inscriversi nel raggio di alcune rassicuranti ana-

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Vitrani Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 970 click dal 25/07/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.