Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ricerca di Anticorpi anti-piastrine in pazienti politrasfusi. Esperienza del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) del Policlinico Tor Vergata

La composizione antigenica è varia, le piastrine infatti posseggono antigeni in comune con i globuli rossi (glicoproteine del sistema AB0, Lewis e P1), antigeni in comune con i leucociti (loci A, B e C del sistema HLA) ed antigeni piastrinici propri.
Questi ultimi sono localizzati sulle glicoproteine di membrana e giocano un ruolo patogenetico importante nelle piastrinopenie congenite, nelle piastrinopenie da alloimmunizzazione e nella refrattarietà alla trasfusioni.Tra le varie tecniche impiegate a tal proposito ricordiamo la metodica di Dixon5, modificata poi da Kelton, la quale non risulta attualmente valida per la ricerca di autoanticorpi poiché altamente aspecifica e soprattutto risulta essere una determinazione indiretta degli anticorpi, infatti si basa sulla quantizzazione delle IgG di membrana presenti sulle piastrine.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Generalità Le piastrine sono piccole cellule prive di nucleo, altamente specializzate. Esse circolano nel sangue in numero variabile da 150000 a 400000/mm 3 . (Fig. 2, Fig. 3) La loro funzione è quella di formare un tappo emostatico dove c'è stata una lesione dell'endotelio per impedire la fuoriuscita di sangue. 1 Quando il vaso è intatto le piastrine circolano senza aderire alle pareti per effetto di vari fattori, mentre quando il vaso subisce una lesione le piastrine aderiscono stimolate dall'esposizione delle fibre collagene e della membrana basale. All'adesione segue l'aggregazione la quale avviene in più fasi: cambiamento di forma, aggregazione reversibile o primaria, reazione di liberazione, aggregazione irreversibile o secondaria. 2 Quando si è formato l'aggregato irreversibile, i prolungamenti citoplasmatici delle piastrine si annodano ai tralci di fibrina ed il trombo si consolida. Infine le piastrine si retraggono per opera delle proteine contrattili del citoscheletro.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Silvia Mattei Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2780 click dal 26/07/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.