Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Il martirio della scuola in Calabria'' di Umberto Zanotti-Bianco: appunti e riflessioni

Nella mia tesi di laurea ho analizzato la vita e le opere di Umberto Zanotti-Bianco e ho cercato di dimostrare come, attraverso tutta la sua azione, egli può essere definito un educatore, facendo riferimento alle tesi di Giovanni Genovesi e Luciana Bellatalla.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In un‟epoca come la nostra, nella quale da un lato si è molto sensibili ai problemi della minoranze, all‟integrazione culturale, al miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni più povere e bisognose, ma che vede trionfare le parole e la retorica rispetto ai fatti e al “rimboccarsi le maniche”, mettendo sempre in primo piano l‟interesse personale e l‟individualismo, la figura di Umberto Zanotti- Bianco spicca per la sua attualità straordinaria, e contemporaneamente per il suo anacronismo che oggi desta quasi tenerezza. Piemontese, italiano e patriota fino alle viscere, uomo di grande rettitudine morale e religiosa, attraversò il suo tempo senza interrompere mai la sua azione a tutto tondo, la sua missione infaticabile a difesa dei propri ideali. Si interessò del Mezzogiorno, una zona sconosciuta a lui e a molti altri italiani, all‟indomani dell‟Unità d‟Italia. La scelta di questo straordinario personaggio è dovuta alla carica educativa che permea ogni suo gesto, ogni sua azione, ogni sua opera. Attraverso l‟analisi di queste si è posto l‟interrogativo di quanto Zanotti - Bianco possa essere definito un educatore, tentando di dimostrarlo facendo riferimento alle tesi di G. Genovesi e L. Bellatalla sul concetto di educazione. Nel primo capitolo si analizzano l‟educazione ricevuta, le esperienze vissute dal giovane Zanotti- Bianco e le amicizie e collaborazioni create durante l‟arco di tutta la sua vita; amicizie e collaborazioni che saranno per Zanotti - Bianco fonte di continui confronti intellettuali e di azioni pratiche. Ogni sua azione è preceduta dal pensiero, dalla ponderazione. Una caratteristica questa che non abbandonerà mai il metodo d‟azione di Zanotti – Bianco, dall‟età di vent‟anni fino al giorno della sua morte. Nel secondo capitolo viene esposta dapprima la situazione del Mezzogiorno prima del „900, soffermandosi soprattutto sulla Calabria, il terremoto del 1908 e la

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lucia Pavan Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1060 click dal 28/07/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.