Skip to content

The Islamic Action Front and the Jordanian Process of Political Liberlisation: A Collaborative or Competitive Relationship?

Informazioni tesi

  Autore: Alice Marziali
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche Roberto Ruffilli, Forlì
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Marcella Emiliani
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 184

The analysis of the Islamic Action Front and its relationship with the Jordanian political regime was conducted based on the idea that the inclusion/moderation framework cannot be applied automatically in every country and for every Islamic movement. As a consequence, an integration method was applied in studying the Islamic party, combining ideational and socio-economic factors and an analysis of the movement's political practice, which was at the same time contextualised in its political framework. We tried therefore to understand the specific cultural, social, political and institutional context in which the movement acted, its own structure and identity and its political practice. Instead of being an automatic assumption, the integration/moderation framework should be analysed in relation to every single issue characterising IAF political practice.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduction The compatibility between Islamic movements, Islamic parties and democracy has been one of the most controversial issues concerning Middle East and Arab states in the past years, further discussed after the undisputed predominance of Hezbollah in Lebanon after 2006 and the Hamas victory of January 2006 in Gaza. The debate regarding the participation of these movements in the elections and in the institutional political life of the Arab states, and the question about whether or not Islam is intrinsically compatible with democratic values and human rights has been at the centre of a even harsher academic quarrel, related to the fact that the Arab world after the collapse of the Soviet Union is the last region excluded from all the democratisation waves. 1 Since its creation in 1946, the Hashemite Kingdom of Jordan has been faced with the presence of a strong Islamic movement which over the years carried a hegemonic and ambitious social, cultural, economic and, in its last instance, political project. In fact, the establishment of the Muslim Brotherhood in 1945 by Abdelatif Abu Qura, following the inspiration of the Egyptian movement created by Hassan el Banna in 1928 marked the starting point of an organised Islamic discourse that contributed to shaping, creating and maintaining the Jordanian Islamic identity. The relationship of this movement with the monarchy has been for the most part collaborative, supporting the regime in exchange for a quite free possibility of action, mainly in the social and educational fields, which represents the main goals of the Muslim Brotherhood in the spread of the da'wa. This Jordanian regime-Muslim Brotherhood relationship constituted a unique case in the regional history of the Arab regimes' relations with the Islamic movements. 2 During the same years in which the monarchy built a collaborative relation with the Ikhwan, based on the mutual recognition and legitimisation, the other Arab regimes were characterised by a politics of harsh repression against the Islamic movement. The golden age of the regime-Jordanian Brotherhoods' relation can be traced to 1 See Huntington S.P. (1991), Democracy's Third Wave, in “The Journal of Democracy”, Vol. 2 N.2. 2 Concerning the relationship between the Muslim Brotherhood and the Haschemite monarchy there is a broad literature. For example, see Bar S.(June 1998), The Muslim Brotherhood in Jordan, Data and Analysis, Tel Aviv, The Moshe Dayan Center for Middle Eastern and African Studies, Boulby M. (1999), The Muslim Brotherhood and the Kings of Jordan, 1945-1993, Florida, University of South Florida, Wiktorowicz Q. (2001), The Management of Islamic Activism: Salafis, the Muslim Brotherhood and State Power in Jordan, Albany, State University of New York Press and Abu Rumman M. (2007), The Muslim Brotherhood in the 2007 Jordanian Parliamentary Elections: A Passing „Political Setback‟ or Diminished Popularity?, Amman, Friedrich-Ebert- Stiftung, pp.18-22.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

jordan
elections
islamic action front
islamic movements
muslim brotherhood
defensive democratisation
political liberalisation
arab state

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi