Skip to content

I Ragazzi di vita della notte brava

Informazioni tesi

  Autore: Armonia Landa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Fabrizio Natalini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

Questa tesi nasce dall’idea di analizzare la realizzazione del soggetto cinematografico "La notte brava" del regista Mauro Bolognini liberamente ispirato al romanzo "Ragazzi di vita" di Pier Paolo Pasolini che ne ha curato anche la sceneggiatura.
Nonostante abbia vinto nel 1960 il Nastro D’Argento per il miglior soggetto è stato considerato dalla critica cinematografica un film "minore" nel panorama storiografico dell’epoca.
Perché, dunque, questa mia scelta?
Perché innegabilmente, è stato un film di rottura per l’Italia nella rappresentazione di una generazione di giovani non più trattati alla maniera dei “Poveri ma belli” ma di ragazzi del sottoproletariato, ragazzi di strada, pronti a prostituirsi, a trasformarsi in “magnaccia”, in ricettatori pur di sbarcare il lunario ogni giorno. A questa innovazione tematica dell’aver portato in primo piano i ragazzi di vita di Pasolini si accompagna una regia innovativa per quei tempi: la linearità spezzata con dei vuoti attraverso scene che scivolano via inconcluse e a cui si accompagnano stacchi di montaggio e consequenzialità a singulto.
E per la prima volta lo spettatore vive un senso di affascinante irrequietezza, carica della stessa ansia che trasmettono i personaggi, che lo spinge ad un’interpretazione personale, che per quegli anni era davvero inconsueto. Ciò che a tutt’oggi è ancora innovativo.
Ed è da questo che sono stata sedotta.
Il lavoro preliminare ha visto una ricerca bibliografica on line relativa al regista e allo sceneggiatore per mettere insieme una serie di informazioni da impiegare come chiave di lettura del film. Data la scarsità di documentazione bibliografica relativa a Bolognini, la ricerca si è estesa anche a siti francesi e spagnoli, sorprendentemente più ricchi di informazioni utili rispetto a quelli italiani.
La visione del film "La notte brava" è stata eseguita molto attentamente, estrapolando fotogrammi che si ritenevano interessanti per l’analisi strutturale delle pellicola mediante fermo immagine e riproduzione della schermata tramite tasto Stamp. L’immagine così caricata in formato JPEG è stata montata singolarmente, o in sequenza con altre, in modo da crearne una composizione tematica ricorrendo al programma Power point di Office.

Il lavoro di tesi è stato strutturato in 3 capitoli.
Nel primo si dà spazio alle trame della sceneggiatura e del film per poterle confrontare tra loro ed evidenziarne i numerosi discostamenti, voluti peraltro dal regista nel tentativo di addolcirne i tratti più duri. Si è passati poi all’analisi della regia di Bolognini dal punto di vista della critica cinematografica per riuscire a tratteggiare le sue tematiche, i punti di forza e di debolezza e tentare di trovare una chiave interpretativa.
Viene preso in considerazione il contributo professionale stesso di Pasolini al cinema di Bolognini, con le loro affinità e le loro diversità creative.
Conclude il primo capitolo la presentazione del cast con una scheda del film.
Il secondo, entra nel vivo dell’analisi del film esaminando le scenografie degli esterni e degli interni. Nel primo caso, mi è sembrato doveroso approfondire la Roma notturna e silenziosa, abitata da errabondi spettri di borgata, miseramente in cerca di una vita da “vivere” nel centro storico, nelle borgate e nella campagna romana, realizzata questa magicamente da Bolognini come quinta di scenario. Dall’analisi delle scenografie e del montaggio degli interni emerge la costruzione per opposizione degli spazi in contrasto tra loro che viene documentata con una serie di fotogrammi. Segue l’analisi dei personaggi e degli interpreti, e quella di diversi temi come quello del denaro, filo conduttore, che unisce le varie storie dei personaggi, attraverso l’amore, la violenza, espressi sempre in dialetto romanesco.
Il terzo capitolo riporta un’intervista ad Antolella Lualdi, una delle protagoniste principali del film, con lo scopo preciso di avere dell’opera una visione da “dietro le quinte”.
Conclude la tesi un’appendice fotografica di scatti eseguiti durante la ripresa cinematografica e un’altra propria dell’Archivio di Stato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questa tesi nasce dall’idea di analizzare la realizzazione del soggetto cinematografico La notte brava del regista Mauro Bolognini liberamente ispirato al romanzo Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini che ne ha curato anche la sceneggiatura. Nonostante abbia vinto nel 1960 il Nastro D’Argento per il miglior soggetto è stato considerato dalla critica cinematografica un film “minore” nel panorama storiografico dell’epoca. Perché, dunque, questa mia scelta? Perché innegabilmente, è stato un film di rottura per l’Italia nella rappresentazione di una generazione di giovani non più trattati alla maniera dei “Poveri ma belli” ma di ragazzi del sottoproletariato, ragazzi di strada, pronti a prostituirsi, a trasformarsi in “magnaccia”, in ricettatori pur di sbarcare il lunario ogni giorno. A questa innovazione tematica dell’aver portato in primo piano i ragazzi di vita di Pasolini si accompagna una regia innovativa per quei tempi: la linearità spezzata con dei vuoti attraverso scene che scivolano via inconcluse e a cui si accompagnano stacchi di montaggio e consequenzialità a singulto. E per la prima volta lo spettatore vive un senso di affascinante irrequietezza, carica della stessa ansia che trasmettono i personaggi, che lo spinge ad un’interpretazione personale, che per quegli anni era davvero inconsueto. Ciò che a tutt’oggi è ancora innovativo. Ed è da questo che sono stata sedotta. Il lavoro preliminare ha visto una ricerca bibliografica on line relativa al regista e allo sceneggiatore per mettere insieme una serie di informazioni da impiegare come chiave di lettura del film. Data la scarsità di documentazione bibliografica relativa a Bolognini, la ricerca si è estesa anche a siti francesi e spagnoli, sorprendentemente più ricchi di informazioni utili rispetto a quelli italiani. La visione del film La notte brava è stata eseguita molto attentamente, estrapolando fotogrammi che si ritenevano interessanti per l’analisi strutturale delle pellicola mediante fermo immagine e riproduzione della schermata tramite tasto Stamp. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

neorealismo
pier paolo pasolini
commedia
cinepresa
ragazzi di vita
mauro bolognini
la notte brava
antonella lualdi
laurent terzieff
elsa martinelli
franco interlenghi
rossana schiaffino
borgata romana
borghesia romana
tor pignattara
thomas millian
camera-car
cinema italiano
pasolini
montaggio
storie di vita
ragazzacci
film italiano
dialetto romanesco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi