Skip to content

L’individuazione del responsabile dell’inquinamento fra danno ambientale e bonifica

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Lupelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giampaolo Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

L'elaborato analiazza, nella prima parte, la disciplina del danno ambientale e della bonifica dei siti contaminati prevista dal Codice dell'Ambiente (d.lgs. 152/2006), soffermandosi principalmente sui criteri di imputazione della responsabilità.
Successivamente è esaminata l'interazione fra tali normative, alla luce anche dei principi comunitari e delle pronunce giurisprudenziali, al fine di individuare i criteri in base ai quali si possa imputare la responsabilità di un determinato inquinamento ambientale a un soggetto o a un'impresa.
L'ultima parte affronta i profili penali connessi alla bonifica dei siti inquinati, e in particolare il reato di omessa bonifica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo I L’ambiente come bene giuridico 1.1 Da una nozione descrittiva a bene “immateriale unitario” Il punto di partenza per la disamina delle situazioni giuridiche soggettive relative alla responsabilità in materia ambientale non può che essere l’individuazione dell’oggetto della tutela, ossia i confini della materia “ambiente”. Dottrina e giurisprudenza faticano non poco ad individuare una nozione unitaria di ambiente e ad accertarne una qualche rilevanza giuridica. Si sono seguiti due differenti percorsi. Dapprima, in letteratura, era prevalente la c.d. teoria pluralistica, che non riconosceva unitarietà alla “materia ambiente”, essendo le normative ambientali affrontate attraverso normative settoriali non riconducibili ad un complesso omogeneo ed organico. I fautori di questo orientamento 1 , sulla base della legislazione del tempo, tentano di distinguere l’ambiente cui farebbe riferimento la normativa relativa al paesaggio, l’ambiente cui farebbe invece riferimento la normativa relativa alla difesa del suolo, dell’aria, dell’acqua, ed infine l’ambiente cui fa riferimento la disciplina urbanistica. Secondo tale interpretazione il termine “ambiente” non veniva ad identificare una materia né un concetto giuridico, economico o sociologico ma solo una “sintesi verbale”. Altri autori si sono uniti a questa concezione, accorpando le attività tutelate dalla legge secondo i principi costituzionali enunciati negli articoli 9 e 32 della costituzione: in materia ambientale sarebbero così individuabili due aree di “funzioni omogenee”, quali la gestione sanitaria e la gestione territoriale – urbanistica 2 . In Italia, come negli altri paesi, esistevano una serie di normative a tutela dei vari interessi riconducibili all’ambiente e di organismi preposti a garantirne la protezione. Si trattava di norme volte alla tutela di valori artistici o paesaggistici o della salute o inerenti all’assetto del territorio. In seguito, l’attualità sempre crescente delle questioni ambientali, l’attenzione ad esse riservata sia in ambito internazionale che all’interno delle istituzioni comunitarie e, per altro verso, la conseguente espansione della produzione normativa, hanno posto le premesse per superare le impostazioni pluraliste, consentendo l’emersione di ricostruzioni unitarie dell’ambiente. 1 M. Giannini, Ambiente: saggio sui diversi suoi aspetti giuridici, in Riv. Trim. dir. pubbl, 1973. 2 Secondo Predieri, la nozione di ambiente deve valere come momento unificante di finalità, come integrazione sistemica delle discipline che regolano “l’urbanistica, i beni ambientali, gli interventi di protezione della natura, riserve e parchi, le comunicazioni e le opere pubbliche, l’edilizia residenziale pubblica, la navigazione, la caccia e la pesca, la tutela degli inquinamenti e, quest’ultima quasi come cerniera tra le due aree”, in Paesaggio, in Enc.dir., Milano, 1981, XXXI, 507 ss.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
bonifica
danno ambientale
risarcimento danno
siti contaminati
bene giuridico
chi inquina paga
diritto dell'ambiente
responsabilità ambientale
codice dell'ambiente
d.lgs.152/2006
principio precauzione
omessa bonifica
responsabile inquinamento ambientale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi