Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi tassonomica dei dischi protoplanetari

Indagine statistica condotta con il metodo della Principal Component Analysis sui dischi protoplanetari. Approccio teorico e descrittivo del metodo in astrofisica: galassie, stelle, pianeti, dischi protoplanetari. Accenni della realizzazione di tale metodo: approccio geometrico ed algebrico. Accenni all'applicazione della PCA in vari settori delle scienze mediche, dell'economia e della fisica atmosferica.

Mostra/Nascondi contenuto.
Analisi tassonomica dei dischi protoplanetari 2 Introduzione La seguente tesi descrive come l’utilizzo di un metodo statistico: l’Analisi delle Componenti Principali, permetta di ricavare importanti considerazioni fisiche per un sistema formato da molti corpi descritti da molti attributi. L’elaborato è suddiviso in tre capitoli più un appendice, risultato del lavoro di tirocinio svolto. Il primo capitolo consente, dopo una piccola introduzione storica sul metodo della PCA, di definire il metodo statistico sovra citato attraverso due diversi approcci. Entrambi risultano essere descritti nel dettaglio con l’aggiunta, nella seconda parte del capitolo uno, di varie proprietà geometriche e statistiche. Alla fine del primo capitolo viene proposta una carrellata di esempi generali in cui l’utilizzo della PCA non solo ha fornito interessanti risultati scientifici ma ha anche permesso di comprendere come l’applicazione di tale metodo possa celare particolari problemi e rischi quando viene applicato senza criterio. Il secondo capitolo permette di introdurre il metodo della PCA in ambito astrofisico ed inoltre sono stati proposte due nuove interpretazioni dei risultati ottenuti con il metodo della PCA: una riguardante interpretazione fisica dell’equazione che descrive il Piano Fondamentale delle galassie ellittiche e l’altra del diagramma di Hertzsprung-Russell come proiezione di una varietà tridimensionale sul piano Luminosità - Temperatura. Se da un lato il primo capitolo aiuta a capire come e quante PCs calcolate vengano scelte per una corretta approssimazione del dato iniziale, il perché o meglio l’interpretazione di tali correlazioni risulta essere non sempre immediata ed univoca. Sarà infatti un esempio proposto nel secondo capitolo che permetterà di rendere tale problema comprensibile.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Federico Panichi Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 400 click dal 01/08/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.