Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Longing, Seeking, Dealing, Growing. Analisi e rappresentazione dei personaggi femminili nei film di Sofia Coppola.

La tesi approfondisce il tema dalla gioventù, in particolare, analizzando i personaggi femminili nella filmografia di Sofia Coppola. Sofia e "le sue ragazze" hanno molto da dire e, soprattutto, ognuna di loro rappresenta una fase nella vita di ogni ragazza. I temi dell’infanzia, della gioventù e della maturità sono proposti ricostruendo ciò che li rende significativi e unici e che lega indissolubilmente le sorelle Lisbon, Charlotte, Maria Antonietta e Cleo nel paradigma universale femminile.

Mostra/Nascondi contenuto.
L O N G I N G , S E E K I N G , D E A L I N G , G R O W I N G 4 I N T R O D U Z I O N E Esistono due tipi di film: quello che effettivamente abbiamo visto e quello di cui ci ricordiamo. Ricordo di essermi approcciata al cinema di Sofia Coppola per curiosità. Avevo quattordici anni. Era il periodo di passaggio tra la scuola media e le superiori; quei momenti in cui senti che tutto intorno a te cambia e realizzi che anche tu stai cambiando, solo quando ti guardi allo specchio. Rimasi così affascinata dalla fotografia de Il Giardino delle Vergini Suicide che, qualche anno dopo, quando uscì, andai a vedere al cinema Lost in Translation. Fu così che quella curiosità, che inizialmente mi aveva attratto, era stata trasformata in adorazione. Riuscivo a impersonarmi nelle vicende delle giovani donne raccontate dalla Coppola e identificavo lei come modello a cui ispirarmi, una volta entrata nel mondo degli adulti. Al contrario della Coppola, non discendo da una famiglia di cineasti e attori e la mia aspirazione fino al quel momento era quella di perseguire la strada della legge. Posso dire, con assoluta sincerità, che Sofia è stata una importante figura nella mia esistenza adolescenziale: lei mi ha cambiato la vita. La figura della donna nel panorama cinematografico Noi donne siamo state abituate da una certa cinematografia, a considerarci come il “sesso debole”. Angeli terrestri, pure e caste, che hanno bisogno di un uomo per essere salvate e portate sulla retta via. Abbiamo mentito, facendo finta di essere indifese e siamo diventate, così, colpevoli di aver cospirato alla nostra oppressione. Tutt’oggi, le donne che si ergono al ruolo di anti-eroine – coloro che “are motivated by fires of passion other than sexual” 1 – sono considerate strane, non conformi al senso comune. Esiste una grande menzogna, che la società ha continuato a perpetrare per secoli, secondo cui la donna sia inferiore all’uomo. Una menzogna così radicata nella nostra conformazione comportamentale che riconoscerla sarebbe andare contro l’intera società. Virginia Woolf scrisse: “Women have served all these centuries as looking glasses possessing the magic and delicious power of reflecting the figure of man at twice its natural size” 2 . Il pregiudizio nei 1 “Sono motivate dai fuochi della passione, oltre che da quelli sessuali” (Molly Haskell, From revenge to rape. The treatment of women in the movies, Chigaco, p. XVI). 2 “Le donne sono servite, in tutti questi secoli, come degli specchi che possiedono il potere magico e delizioso di riflettere la figura dell’uomo due volte la sua dimensione naturale”(Ibidem, p.1).

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuliana La Malfa Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 530 click dal 03/08/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.