Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Morire dal ridere - La parodia nel cinema Horror: Frankenstein Junior di Mel Brooks

Si propone una analisi dei metodi e dei linguaggi usati nella parodia e dei suoi effetti sull'ascoltatore. In particolare si va ad esaminare il film Frankenstein Junior di Mel Brook, parodia del celebre Il mostro di Frankenstein di Mary Shelley poi portato al cinema con numerosi film della Universal.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 er iniziare il discorso sulla parodia cinematografica credo sia d’obbligo fare almeno alcuni accenni alla storia della parodia e delle sue discussioni teoriche, citando le maggiori correnti di pensiero e i maggiori studiosi che se ne sono occupati, sia dal punto di vista letterale che, in seguito, in ambito cinematografico. La Parodia è infatti un processo artistico che percorre gran parte della storia della civiltà e che comprende tutte le maggiori forme d’arte, dalla pittura alla musica, dalla letteratura al teatro per finire con il cinema. E’ comunque alla letteratura greca antica che dobbiamo il termine Parodia che deriva dalla congiunzione tra Parà (simile) e Odè (canto). Già dal nome, quindi, traspare l’idea di un canto, o meglio un controcanto, che procede al fianco di quello ufficiale. Questa pratica antica si trasforma metaforicamente nel concetto di parodia come opera artistica tesa a costruire un commento ironico e sovversivo rispetto all’opera ‚ufficiale‛. Il termine è presente già nella Poetica di Aristotele dove il filosofo greco distingue due diversi modi di rappresentazione: quello narrativo e quello drammatico che a loro volta vengono divisi a seconda che trattino di materia alta o bassa: le rappresentazioni drammatiche erano la tragedia (materia alta) e la commedia (materia bassa), alle quali corrispondevano rispettivamente le forme narrative dell’epopea e della parodia, appunto. 1 Dal riscontro con altri autori antichi, si arriva alla conclusione che il termine usato all’epoca denoterebbe un testo narrativo non lungo, in versi e stile epico, ma applicati ad un soggetto frivolo, satirico o eroicomico. Genette successivamente distinguerà, inoltre, due diversi tipi di parodia antica: il travestimento burlesco, come l’Eneide travestita, che tratta con uno stile basso un 1 A. Barbaro “Frankenstein, un mostro di celluloide tra horror e parodia”; costa&nolan editori, 2006, p. 108

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Anna Sola Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1282 click dal 05/08/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.